FATTI

Distinguere le notizie dalle opinioni
in Usa se ne discute, in Italia no

"I fatti separati dalle opinioni" è uno slogan anglosassone importato in Italia negli anni Settanta, in particolare dal settimanale mondadoriano "Panorama", allora...

"Frodi" nei contributi all'editoria
tre condanne a Catania

Erano accusati, sulla base di indagini della Guardia di Finanza, di "simulazione di vendite di copie del Quotidiano di Sicilia" e, così facendo di aver indotto "in errore...

Ecco le misure per l'informazione
previste nel decreto Rilancio

Vediamo cosa prevede per l’editoria il decreto Rilancio, all'attenzione della commissione Bilancio della Camera. AIUTI ALL’EDITORIA. Vengono introdotte...

Assemblea e stato di agitazione
per i collaboratori del Messaggero

Si è costituita a Roma l’assemblea collaboratori del Messaggero. Proclamato lo stato di agitazione. L’iniziativa, sotto l'egida del sindacato dei giornalisti...

Vendite quotidiani: carta più digitale
battono il Coronavirus

Ultime notizie dal fronte delle vendite. Il quotidiano regge. Nell’ultimo anno – e negli ultimi mesi – il record di tenuta e di slancio è senz’altro del Fatto ...

Quattro fattispecie criminose:
114 canali Telegram sequestrati

Riciclaggio, ricettazione, accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico, furto e violazione della legge sul diritto d’autore: sono le ipotesi di reato accertate...

Molinari e presenze in Tv:
nasce una nuova maggioranza?

VINCENZO VITA (*)

I mezzi di comunicazione prefigurano spesso i volteggi e gli andamenti del sistema politico. Un vecchio adagio della mediologia...

Gli Agnelli licenziano Verdelli
la Repubblica affidata a Molinari

LEONARDO COEN

Oggi si celebra la cacciata di Carlo Verdelli, non più direttore di Repubblica, quotidiano da da lui imbruttito - pensate al populismo...

L'editoria libraria travolta
dal Coronavirus: 18.600 titoli in meno

MAURETTA CAPUANO (Ansa)

E' crisi nera per il mondo del libro a un passo dal tracollo. Saranno 18.600 i titoli in meno pubblicati nel 2020. 39,3 milioni le copie che...

Arrivano i soldi pubblici
ma il Quotidiano del Sud non paga

Crisi al Quotidiano del Sud. Crisi di liquidità aziendale. I giornalisti, a tutt’oggi, hanno ricevuto solo un acconto sugli stipendi maturati a dicembre 2019...

Soldi alle scuole
per l'acquisto di giornali

Venti milioni all'anno sono stati previsti nell'ultima legge di bilancio per l’acquisto di giornali e riviste da parte delle scuole italiane, statali e paritarie, dalle elementari...

Iniziative

IERI/OGGI

QUANTA REGRESSIONE NELLA SOCIETA'
E NEL SISTEMA MEDIATICO
SULLA QUESTIONE FEMMINILE

MARIATERESA GABRIELE

Mi chiedo come siamo arrivati a questo punto. Al punto che la Giornata contro la violenza sulle donne assuma un’importanza pari, se non superiore, all’8 marzo. Come siamo arrivati al punto che mezzo milione di ragazze, secondo statistiche non meglio definite, non lavorano né studiano; al punto che per ogni lavoro perso da un uomo ce ne sono 20 persi da donne (per forza, erano quasi tutte commesse o bariste…); al punto che siamo quasi a quota 100, diconsi 100 donne uccise dall’inizio del 2020 in Italia; al punto che il presidente del Consiglio, il papa, tutti, devono puntare i riflettori su questo tragico fenomeno che non sembra arretrare a questi moniti ma che anzi cresce di ora in ora. Proprio mentre tutti i tg e gli organi d’informazione, ieri, annunciavano, con la tempestività che ormai caratterizza ogni scadenza, la giornata dei delitti, proprio nella notte fra ieri e oggi ci sono stati due femminicidi: uno a Cadoneghe (Padova), dove un marito di 39 anni ha ucciso la madre trentenne dei suoi tre figli di 9, 7 e 4 anni, senza pietà, fra l’altro, per questi poveri bimbi che restano senza mamma; e a Catanzaro una donna è stata uccisa dall’amante. Natura passionale, si scrive. Di solito l’arma è bianca (coltellate se l’uccisa è solo lei ma anche fucilate se poi, sempre dopo, anche lui si suicida). Ci sono addirittura i funerali in chiesa (di solito negati ai suicidi) per il “bravo lavoratore” che nel Torinese, a Carignano, nemmeno un mese fa, l’8 novembre, ha sterminato la famiglia - la moglie che voleva separarsi e appariva ai suoi vicini “euforica”, così hanno scritto sui giornali, due gemellini maschio e femmina di appena due anni - e poi, solo poi, anche se stesso, di cui si sa solo che non aveva accettato la ventilata separazione, e che lavorava tantissimo tanto da aver costruito una villetta, desolatamente isolata. Fattaccio archiviato in fretta...