FATTI

Contributi editoria: accusa
di tentata truffa a Lecce

leccenews24.it (*)

Il pubblico ministero Giovanni Gagliotta ha chiuso l'inchiesta e risultano indagate otto persone. Si tratta di: Antonio Perrino...

I quotidiani e i periodici
da leggere a Londra

londradavivere.com (*)

di Alice Giusti
Cercate informazioni di politica internazionale o nazionale a Londra? Volete approfondire...

Quanti e quali quotidiani
si vendono ad Angri (Sa)

Michele Mazza (*)

www.angri.info
Stimolato dalla lettura del dossier : “Carta vince” pubblicato sull’Espresso del 26 febbraio scorso, con i dati forniti...

Facebook, Twitter, Instagram:
più connessi, più isolati

galileonet.it (*)

di Maria Magistroni
Metterci in relazione, costruire una rete di contatti, condividere con gli altri. Questo dovrebbe essere...

"Comunicare la Chiesa
nell’era dell’informazione virale"

di Luca Quaresmini
Pare che, in Italia, i 2/3 delle notizie siano a carattere “ansiogeno”. Quando, poi, si considera che buona parte...

Libri e giornali, li leggiamo tutti
alla stessa maniera, anche se...

linkiesta.it (*)

di LinkPop
C’è chi legge tanto e chi legge poco (e c’è anche chi non legge per niente). Ma tutti...

Cattive notizie, le più resistenti
sulle homepage dei giornali

redattoresociale.it (*)

di Oliviero Motta
Quante volte ci siamo lamentati perché dai telegiornali e dalla stampa ci piovono addosso solo...

Se Nbc compra
il 25% di Euronews

repubblica.it (*)

di Aldo Fontanarosa
Nell'informazione all news prende corpo un'alleanza tra Stati Uniti ed Europa. Il canale televisivo...

Giornali splatter, battute
da spogliatoio, puro stile Trump

ilmanifesto.it (*)

di Bia Sarasini
Abbiamo mai visto un titolo di quotidiano che abbia definito, che ne so, «pisello al dente»...

Notizie false: in vista delle elezioni
i giornali francesi si alleano

internazionale.it (*)

di alexis delcambre
Otto mezzi d’informazione francesi, tra cui Le Monde, hanno deciso di collaborare con Facebook...

Giornali e social network
fanno fatica a collaborare

ilpost.it (*)

di gerry smith-blomberg
In un panorama dell'informazione sempre piĂą dominato dai social networtk, i giornali...

PROFESSIONE

Scalfari,
il “non credente”
che dice al Papa
cosa fare in materia
di scomuniche
e beatificazioni

BEPPE LOPEZ

Forse meritava ben più attenzione - e soprattutto analisi non viziate dal pregiudizio - la nuova intervista concessa dal Papa a Eugenio Scalfari. E comunque sono passati ingiustamente sotto silenzio alcuni suoi notevoli passaggi, marginali rispetto al tema scelto per la forte titolazione che le ha riservato la Repubblica, nella prima pagina e nelle due paginate successive: “Francesco: Il mio grido al G20. No ad alleanze contro i migranti” (8 luglio 2017). Per esempio ci si può chiedere: può un giornalista, un grande giornalista – storicamente laico, che si ostina a definirsi tuttora “non credente” – andare dal Papa per una intervista e scriverne chiarendo ai lettori che “il tema principale della nostra conversazione è il Dio unico, il Creatore unico del nostro pianeta e dell'intero Universo”? Sì, se si chiama Eugenio Scalfari. E può rivolgersi al suo intervistato, chiamandolo “Santità”, ovviamente con la “S” maiuscola? Questo Scalfari non dovrebbe farlo, come non dovrebbe farlo nemmeno uno stagista alle prime armi, ma Scalfari a novantadue anni lo fa...