IERI/OGGI

Le prfoessioni

  • SOCIALISMO DEMOCRATICO E INTERMEDIAZIONE NELLA SOCIETÀ COMPLESSA

    BEPPE SCANNI (*)

    La stagione politica che stiamo vivendo è spesso definita come “Terza Repubblica”; disgraziatamente è soltanto la quinta fase della Prima Repubblica, considerando la seconda quella che va dal 1994 al 2011 (l’illusione del maggioritario), la terza quella aperta dal governo Monti e terminata con le elezioni del 2013 (il salvataggio dal default) e la quarta quella dei governi Letta, Renzi e Gentiloni (la seconda bis). Il primo nodo da affrontare è quello attorno alla natura locale, europea o mondiale della crisi. Noi affermiamo che, nonostante una peculiarità italiana e tedesca, la crisi che siamo chiamati ad affrontare e sanare è planetaria. La peculiarità tedesca italiana è legata al lento processo di formazione di uno Stato unitario, a fronte di quanto è accaduto in Europa. Gli storici definiscono la Germania e l’Italia le “nazioni in ritardo” dell’Europa, perché, nonostante le apparenze, sono nazioni che hanno conseguito più o meno negli stessi periodi e nello stesso tempo la loro unità statuale. Il nostro paese “in ritardo” affronta un periodo di destrutturazione- che ci auguriamo breve- assai somigliante alla Seconda Repubblica francese (febbraio 1848-dicembre 1851), con la speranza che non si affacci alla ribalta un Napoleone III. C’è il rischio che la destrutturazione del sistema peggiori in decomposizione del sistema politico; c’è anche la possibilità, però, che finalmente si affaccino sulla scena italiana forze che abbiano almeno l’obiettivo della ricomposizione e del rilancio, se non proprio del Rinascimento. Insomma, la stagione che dopo aver celebrato e sperimentato al potere il populismo, lo archivi essendosi sufficientemente spaventata delle conseguenze. A favore della seconda ipotesi è possibile argomentare che il raggiungimento del potere ha corrosivamente contaminato una forza anti-politica come i 5stelle, con la conseguente crisi di consenso che ne è velocemente derivata, e che il modello nazional-populista proposto da Salvini si è platealmente svelato fragile e di impalpabile consistenza, attivando una attenzione critica e preoccupata per la irritualità di atti governativi basati spesso sulla omissione delle regole imposte dalle Leggi e dalle norme in materia di gestione dei pubblici affari; e pur tuttavia non è possibile ignorare che nonostante la plateale irrisione delle Leggi il leader della Lega gode ancora di un forte favore ...

    data: 06/11/2019 13:22

  • IL DIRETTORE CONTRO L’EDITORE: “ASPETTO I GIUDICI DA 20 ANNI”

    VINCENZO IURILLO
    IL FATTO QUOTIDIANO (*)

    “La Nuova Basilicata”e la causa di Beppe Lopez Il licenziamento del 1999 è illegittimo, ma per i danni il tribunale rinvia dal 2011 - - - - - C’è un cittadino, un giornalista, che attende da venti anni –avete capito bene, vent’anni – una sentenza che lo ristori di un licenziamento già dichiarato “illegittimo” da un magistrato del lavoro. Il Tribunale lumaca è quello di Potenza. Le cause sono due e riguardano il risarcimento danni per le conseguenze del licenziamento risalente al 1999 dell’ex direttore del quotidiano La Nuova Basilicata, e il successivo fallimento della società editrice. Due distinti procedimenti, ma collegati, ‘fermi’ al 2011. Il primo da allora è stato rinviato 10 volte, il secondo 12 volte, “per la precisazione delle conclusioni”, ovvero a pochi metri dallo striscione d’arrivo. Stop imposti da cambi di giudici relatori (otto sommando entrambi i processi), e rinvii d’ufficio. Le cause sono pronte per le decisioni. Ma le sentenze non escono. IL CITTADINO-GIORNALISTA vittima del primato di lentezza giudiziaria si chiama Beppe Lopez. Classe 1947, cronista che ha partecipato alla fondazione di Repubblica, autore di saggi sul giornalismo, Lopez è stato – e si presume lo sia tuttora – un convinto sostenitore della tesi che un’informazione locale indipendente dai potentati economici e politici avrebbe prevenuto il crollo delle vendite della carta stampata. Per questo nel secolo scorso lascia Repubblica e punta alla creazione di giornali locali al Sud. Nel Salento gli va bene. In Basilicata gli va male: l’avventura de La Nuova Basilicata, nata il 23 giugno 1998, nell’unica regione all’epoca senza un proprio quotidiano, si interrompe per lui bruscamente, e dopo nemmeno un anno. “Misi insieme una decina di giornalisti (per metà locali, per metà romani, baresi e leccesi) – ricorda Lopez – un piccolo imprenditore locale che si occupava di alberghi e di una piccola emittente televisiva, l’Agenzia dei Giornali Locali del gruppo Espresso-Repubblica e la società di raccolta pubblicitaria Manzoni, e creammo un miracolo...

    data: 31/10/2019 12:33

  • LA LIBERA
    INFORMAZIONE
    SI UCCIDE
    ANCHE COSI':
    UNA SENTENZA
    RINVIATA 12 VOLTE
    IN 8 ANNI

    BEPPE LOPEZ (*)

    Una sentenza relativa a una vicenda di vent’anni fa, pronta per la decisione da otto anni e che da otto anni – per dodici volte! – viene rinviata per la “precisazione delle conclusioni”. E una seconda sentenza, strettamente collegata alla prima e riguardante la stessa vicenda, anch’essa pronta per la decisione da otto anni e che da otto anni – per dieci volte! – viene rinviata per la “precisazione delle conclusioni”. Capita anche ad avvocati e giuristi col pelo sullo stomaco, quando ne vengono a conoscenza, di fare un salto dalla sedia. Non si tratta, in tutta evidenza, di una questione di mera carenza di organici. Non a caso la vicenda tocca nervi sensibili – il diritto del lavoro, in pratica diritti e danaro sottratti a lavoratori, e l’informazione – in una regione come la Basilicata con bassi indici di sviluppo economico e sociale. Non a caso il tutto avviene in un tribunale, quello di Potenza, costretto ad operare in un contesto di radicata autoreferenzialità territoriale, quasi da piccola repubblica a se stante, e di conclamati, aggrovigliati intrecci fra malversatori e istituzioni. Non a caso, infine, è identico il paradossale iter, in relazione alla stessa ventennale vicenda – il fallimento dell’azienda editrice di un quotidiano, La Nuova Basilicata – delle due cause: quella riguardante complessivamente il fallimento e quella attivata individualmente dal direttore responsabile della testata. I fatti. Siamo negli anni Novanta del secolo scorso. Il mondo dei quotidiani (cartacei) in Italia non era disastrato come oggi. Non solo non chiudevano, ma addirittura ne nascevano di nuovi. Infatti nel 1996 erano 115, l’anno successivo 119 e quello ancora successivo 122. Io ritenevo e scrivevo almeno da un ventennio che solo la nascita di forti giornali locali (non i “panini” o le “pagine locali”) avrebbe consentito di attenuare il “crollo” che si intravedeva all’orizzonte e comunque la crisi – culturale, democratica e occupazionale – già in atto. A seguito del boom televisivo, affermavano i più. Certo, ammettevo e scrivevo io, ma soprattutto per una arretrata cultura editoriale e giornalistica incapace di concepire (e fare) quotidiani in termini di prodotti utili, di servizio, di mercato...

    data: 15/10/2019 18:55

  • LA SCISSIONE
    DI RENZI
    IN 10 TWEET

    12 settembre Per #Renzi la creazione di un gruppo parlamentare autonomo dal #Pd non è una scissione. Per #Zingaretti sarebbe uno scisma lacerante. Il #corriere li mette sullo stesso piano di logica, ragionevolezza e dignità, definendo la questione solo una "questione di punti di vista". 14 settembre #Scalfarotto: "Questa è destra e della peggior specie. Nulla a cui ci si possa avvicinare senza compromettere i nostri valori di base". Fatto: sottosegretario agli #Esteri con #DiMaio 14 settembre Chi riuscirà a resistere di più? I renziani che per lasciare il #Pd aspettano il rientro-alibi di #Bersani? o i bersaniani che vogliono rientrare in ditta ma sono trattenuti dalla necessità di non dare alibi a #Renzi? 16 settembre La corrente di #Lotti non molla il #Pd, la #Boschi va, #Marcucci resterebbe capogruppo al Senato, #Giachetti esce dalla direzione, il sindaco fiorentino #Nardella invece resta: ma non è che quel furbastro di #Renzi accumula tattiche molteplici e fa movimiento? 16 settembre #Renzi e #Zingaretti: forse siamo di fronte al mitico scontro fra il velocista e il passista, con il primo che tende ad accorciare il percorso e il secondo che tende ad allungarlo. 16 settembre #Giachetti lascia la direzione #Pd perché contrario all'alleanza con il #M5S mentre il capo del suo nuovo partito #Renzi garantisce ufficialmente a #Conte che esso appoggerà il governo M5S+Pd-Renziani. 16 settembre #Feltri ha ragione: #Renzi è un furbacchione. Ma Feltri non immagina nemmeno che nella vita e nella politica la furbizia non è tutto e che anzi c'è qualcosa decisamente più importante e vincente nei tempi medi e lunghi: l'intelligenza. Chiedere a #salvini. 16 settembre Eterogenesi dei fini: come #Salvini (che si è dimesso costringendo #M5S e #Pd ad allearsi), #Renzi uscendo potrebbe costringere/consentire al Pd di ritrovare l'elettorato di sinistra emigrato nell'astensionismo. 17 settembre #Renzi: "Quello che mi spinge a lasciare è la mancanza di una visione sul futuro". Dài, ma non è per una bagatella cosi che uno si suicida, coraggio. 17 settembre #Bersani su #Renzi: “Faccia quel che vuole, i partiti personali sono una scorciatoia per sbattere contro muro”. ...

    data: 17/09/2019 17:42

  • DI MAIO E’ UNA PERICOLOSA MINA VAGANTE
    E PUO’ DISINNESCARLA SOLO GRILLO

    BEPPE LOPEZ

    Archiviando Salvini e le sue intemperanze formali, Conte aveva detto: “Ora, basta sgrammaticature istituzionali”. Ma se Salvini incontrava i sindacati e le associazioni di categoria al Viminale in vista della imminente legge di Bilancio, raddoppiando e sovrapponendosi agli incontri del capo di governo Conte con le parti sociali, oggi Di Maio ha fatto forse di peggio: ha convocato tutti i ministri del M5S alla Farnesina, dove si era appena insediato come ministro degli Esteri, e ha fatto la riunione del “suo” Consiglio dei ministri. Una riunione ufficiale, con foto ufficiale e dichiarazione ufficiale. “Abbiamo fatto il punto su tutti i provvedimenti da portare avanti”, ha dichiarato Di Maio, come se lui fosse Conte e al posto di Conte, o come se fosse ancora vicepresidente del Consiglio a Palazzo Chigi. Ma ha fatto di più, quasi sbeffeggiandolo. Infatti lo ha ringraziato “per il lavoro che sta continuando a svolgere”, dicendosi “certo che riuscirà ad essere garante anche di questo nuovo governo". Non un presidente del Consiglio vero, come volevano i patti sottoscritti con il Pd e il Quirinale, dopo l’infausta esperienza dei quattordici mesi trascorsi a fare il “garante” fra Di Maio e Salvini: ma di nuovo “garante”, questa volta fra Di Maio e Zingaretti. Si sapeva che sarebbero stati due i principali avversari della tenuta del governo, che lunedì o martedì dovrebbe ottenere il voto di fiducia alle Camere, consentendo al Paese di tirare almeno un sospiro di sollievo dopo quattordici mesi d’inferno. Uno esterno: ovviamente lui, Matteo Salvini, il pentitissimo e rancoroso auto-defenestrato...

    data: 06/09/2019 23:35

  • NO, LA PIATTAFORMA ROUSSEAU
    NON HA ASSOGGETTATO
    LA DEMOCRAZIA PARLAMENTARE

    BEPPE LOPEZ

    Non si può non condividere l’allarme lanciato autorevolmente, fra gli altri, da Michele Ainis per Tutti i limiti di Rousseau (la Repubblica, 2 settembre 2019), mentre è in atto la consultazione on line del Movimento Cinque Stelle su quella piattaforma digitale. Nelle stesse ore in cui questa nota viene scritta, i partecipanti al “referendum” sulla partecipazione del Movimento al Conte-due avrebbero superato le 56 mila unità. “Abbiamo fatto il record mondiale di partecipazione online a una votazione politica”, ha dichiarato soddisfatto Davide Casaleggio, titolare della Casaleggio Associati e presidente dell’associazione Rousseau. Casaleggio e la consultazione – il cui risultato favorevole al varo dell’alleanza di governo M5S-Pd viene dato quasi per scontato – non hanno sciolto nemmeno in questa occasione le mille perplessità e le forti preoccupazioni che suscitano, la singolarità e la pericolosità, dal punto di vista democratico e costituzionale, dei rapporti fra la Casaleggio Associati e il M5S. Autentica inquietudine per le sorti della democrazia italiana hanno suscitato in particolare l’esistenza e il potere della Piattaforma Rousseau, specie da quando, alle elezioni politiche del 2018, il M5S ha preso il 32 % dei voti, la maggioranza parlamentare e la guida del governo nazionale. A questo portale, controllato da una società privata e commerciale, fanno capo l’operatività del Movimento, le procedure di selezione del suo personale politico (compresi i parlamentari e i membri del governo) e i processi decisionali interni. E in queste ore le 115 mila persone (o “profili”) iscritte alla Piattaforma sono chiamate ad esprimersi su una decisione fondamentale non solo per il Movimento ma per l’intero Paese: consentire la formazione di un governo fra il M5S e il Pd, e la prosecuzione di una legislatura quinquennale appena a quattordici mesi dal suo avvio. In un contesto di crisi istituzionale, di crisi dell’Europa, di ondata sovranista e autoritaria, e chi più ne ha, più ne metta… Centomila persone – a parte i consolidati sospetti di penetrabilità della Piattaforma e di manipolabilità dei dati - dovrebbero dunque decidere i destini di una delle più grandi potenze economiche e delle più importanti democrazie del mondo...

    data: 03/09/2019 17:56

pagina 6 di 63

«

»

2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |