Libri

Libri

  • LA CONCRETA UTOPIA DI ADRIANO OLIVETTI
    di Franco Ferrarotti

    Franco Ferrarotti, sociologo e intellettuale eccelso, Accademico dei Lincei, padre della Sociologia in Italia, nella sua vita ha conosciuto tanti personaggi illustri e ha avuto l’onore di collaborare, dal 1948 al 1960, con Adriano Olivetti del quale. Con affetto, chiarezza e profondo sentire - in "La concreta utopia di Adriano Olivetti", EDB - ne tratteggia ora la personalità e la visione del mondo e della società oltre che l’operato da imprenditore illuminato, attento al benessere dei lavoratori e della comunità che con l’azienda doveva costituire un tutto integrato. Ciò, sottolinea Ferrarotti, non deve intendersi come paternalismo bensì come apertura mentale e lungimiranza da operatore sociale, uomo politico nel senso pieno che sperimentava nel campo industriale una visione complessa e organica che abbracciava la comunità territoriale, la convivenza democratica e il problema della ristrutturazione dello stato che rende la visione olivettiana di notevolissima attualità. Preveggenza, acume, profonda umanità, rendono Olivetti un modello scomodo per le camarille e gli interessi di bottega dei politici e dei sindacati tradizionali. Per Olivetti la contrattazione a livello nazionale ...

    data: 06/11/2018 11.43

  • "IL MIO MIO VIAGGIO FINISCE QUI"
    L'addio di Giuseppe Marchetti Tricamo a "Leggere:tutti"
    dopo 13 anni di direzione

    Sono stato sempre attratto dai viaggi in treno. È bello stare accanto al finestrino e alternare la lettura di un buon libro all’esplorazione del paesaggio che scorre velocemente al nostro fianco. Il panorama non è mai monotono, città, paesi, coste, boschi, ponti e fiumi si avvicendano per rendere intenso ogni momento. Poi, le fermate alle stazioni sono propizie per cogliere nei nuovi passeggeri atteggiamenti, espressività, gesti, linguaggi che talvolta sorprendono per la loro genuinità. A ogni sosta c’è una nuova storia da immaginare. È per questa mia passione che paragono il nostro Leggere:tutti a un treno. Siamo partiti da Torino, dal Lingotto, dal “Salone del libro”. Era una bella giornata di primavera, era il maggio del 2005. Al via c’erano molti amici scrittori, alcuni hanno preso posto insieme a noi e ci sono rimasti vicini da allora a oggi. Molti altri si sono aggiunti a ogni stazione, che poi in effetti sono stati gli eventi che la rivista ha promosso negli anni. Il primo (che coincidenza!) è stato il “Treno degli scrittori per Galassia ...

    data: 20/09/2018 18.25

  • IL DOMINIO DEGLI AFFARI
    SULLA DIFFUSIONE DELLE LINGUE

    Una nuova geopolitica 2.0 controllata dai colossi sul web

    Le strade che portano al successo o alla sconfitta di una lingua nel mercato globale delle parole passano dai due miliardi di utenti Internet. Online gli idiomi crescono, si riproducono e muoiono, proprio come organismi viventi e le dinamiche che regolano questo processo evolutivo sono guidate dalle stesse logiche dell’economia capitalistica. Dall’inglese al cinese fino all’arabo, sono le lingue del business a essere dominanti in Rete. Translated, società italiana di traduzioni con 24 mila clienti (fra cui la Commissione europea e il colosso informatico Ibm), con l’ausilio di Google, ha elaborato il T-Index, un indice statistico che assegna a ogni Paese nel mondo una quota potenziale di mercato «linguistico» ...

    data: 07/08/2012 23.02

  • LO SPORTELLO FILOSOFICO COMUNALE

    "Star bene con Socrate" a Corigliano

    Per primi sono venuti i commercianti, poi i bimbi delle materne e i ragazzi di medie e superiori, i dipendenti comunali e gli anziani del circolo cittadino. E quando sono arrivati anche i politici, la sensazione che qualcosa potesse davvero cambiare ha preso sostanza. Dallo scorso settembre a oggi sono oltre cinquecento (su seimila) gli abitanti di Corigliano d'Otranto, a sud di Lecce, che si sono sottoposti a una consulenza filosofica singola, collettiva o hanno partecipato ...

    data: 17/07/2012 16.56

  • "QUANDO SCOPPIO' IL '68, FACEVO PAPIROLOGIA"

    INTERVISTA-RITRATTO DI LUCIANO CANFORA

    Guardando Luciano Canfora viene voglia di evocare un intellettuale del primo Novecento. La pettinatura all’indietro, gli occhiali tondi e leggeri, il volto scarno, l’abito serio e inappuntabile nei colori inclini al tabacco, ne fanno una figura lievemente retrò. Come restituita da un tempo sobrio e militante. Il professore ha da poco compiuto settant’anni. È uno dei grandi storici italiani che il mondo ci invidia. Come nasce la sua voglia di fare lo storico? «Alla base delle mie scelte ci sono fatti politici che fecero epoca: il 1956, innanzitutto. Poi il 1958 e il 1960. Nel ’56 facevo il ginnasio quando ci fu la rivolta Ungherese poi repressa dall’Unione Sovietica. Provenivo da una famiglia molto impegnata politicamente ed è comprensibile il trauma che ci investì. Il problema era riuscire a spiegare qualcosa di inaudito. E a distanza di anni continuo sempre più a pensare che il 1956 sia stato l’anno epocale della nostra storia» ...

    data: 21/06/2012 19.52

  • PIU' BIBLIOTECHE, MENO FESTIVAL!
    (lettera aperta ai Sindaci d'Italia)

    LA MAGGIORANZA DELLE MANIFESTAZIONI E' SOLTANTO AUTOPROMOZIONALE

    La biblioteca è un bene comune indispensabile. Sempre più. Nessun Google e nessun Amazon potrà mai sostituirla. E nessuna crisi dovrebbe mai sacrificarla. È una lunga lettera ai sindaci delle città e dei paesi italiani il nuovo libro di Antonella Agnoli, già autrice di un saggio sull'utilità delle biblioteche al tempo di Internet, Le piazze del sapere. Biblioteche e libertà (Laterza): l'idea era quella di promuovere lo spazio della pubblica lettura come luogo di libertà, di incontro e di opportunità. Il titolo, Caro sindaco, parliamo di biblioteche (Editrice Bibliografica), promette un tono didascalico e una chiarezza espositiva, e non tradisce le attese nel portare innanzi la ferma convinzione che la cultura è il primo fattore che permette di vincere la crisi e che la biblioteca, in una fase come questa di depressione economica (forse non solo), può diventare un'opportunità di welfare. ...

    data: 17/01/2012 19.41

pagina 1 di 3

»

1 | 2 | 3 |