DIARIO DI BORDO

DAL GOVERNO ALLA CONSOB
SAVONA, IL SUGHERO
SARDO INAFFONDABILE

Dopo Banfi all’Unesco, il Governo si è redento nominando Paolo Savona alla Consob, l’autorità garante della borsa? Dal punto di vista etico per il professor Savona e di opportunità politica per Palazzo Chigi, ci sarebbero alcune ragioni, dicono i commentatori politici, per le quali il ministro (ormai ex) degli Affari europei sarebbe incompatibile con l’incarico che gli è stato assegnato.

La prima: la legge Frattini del 2004 stabilisce che chi ha ricoperto un incarico di governo non può svolgere incarichi in enti di diritto pubblico per un anno dopo la conclusione del suo incarico.

Altra ragione di incompatibilità: la legge Madia del 2014 stabilisce che i pensionati (Savona è un pensionato) non possono ricoprire incarichi dirigenziali all’interno di amministrazioni pubbliche. A meno che non venga nominato per un anno soltanto e a titolo gratuito (come nel caso di Carlo Freccero in Rai). A Savona invece è stato assegnato un mandato pieno della durata di sette anni, fino a quando Savona compirà 90 anni.. E sarà a titolo gratuito? S’immagina di sì, non potendo lo Stato fare distinzione tra figli e figliastri...

Altra possibile incompatibilità: il recente impegno di Savona in un fondo speculativo con sede a Londra. Ma questo, per il Governo, non dovrebbe creare conflitto di interessi perché quel fondo estero non è sottoposto alla vigilanza Consob.

Il prof. Savoia si definisce «un sughero sardo, inaffondabile». Come dargli torto? È lui medesimo a dire di essere passato «dalla Prima alla Seconda Repubblica e dalla Seconda alla Terza» con importanti incarichi pubblici e privati.

Adesso il pensionato Paolo Savona, classe 1936, si avvia a presiedere la Commissione nazionale per le società e la borsa (Consob), che ha come obiettivi la tutela degli investitori e l’efficienza, la trasparenza e lo sviluppo del mercato mobiliare.
E l’Europa, professore Savona? Forse risponderebbe che della politica verso la Ue se ne occupano in molti e il risultato e sotto gli occhi tutti.