CE L'HANNO D'ORO

BARBANO,
DE GREGORIO,
VELTRONI...

di Mrs Badness

Ci sono italiani dal gran talento – un talento d’oro – che eccellono per le numerose e varie opportunità che riescono a crearsi nel tempo. Al cospetto del loro dinamismo, della loro versatilità e del loro eclettismo, impallidiscono i blasoni professionali di personalità pur prestigiose e persino geniali, che però rimangono inchiodate ad una professione se non a una sede e a un posto di lavoro. Loro, quelli che il talento ce l’hanno d’oro, cambiano sempre, osano, corrono, vanno avanti, cadono ma si rialzano sempre e continuano a correre da qualche altra parte, utilizzando il proprio versatile carisma in qualche altra azienda, in qualche altro settore… C’è sempre qualcuno pronto a riconoscerli e a rivalorizzarli. Anche se a molti, sfigati, appaiono a tratti persino irritanti se non  incomprensibili la loro capacità e le loro variegate opportunità di ripresa e di ripartenza. (Fonte Wikipedia)

ALESSANDRO BARBANO. Classe 1961. Professionista dall'età di ventitré anni. Inizia a scrivere ancora adolescente sul Quotidiano di Lecce. Passa presto a La Gazzetta del Mezzogiorno. Poi alla La Gazzetta dello Sport. Nel 1993 è al Mattino. In seguito passa al Messaggero. Ne diventa vicedirettore. Direttore del Mattino dal 10 dicembre 2012 al 2 giugno 2018. Nel 2019 diventa vice-direttore del Corriere dello Sport. È docente a contratto di giornalismo politico ed economico a La Sapienza, dopo esperienze all'Università degli Studi del Molise e alla Link Campus University. Opinionista fisso a Radio Radicale.
 
CONCITA DE GREGORIO. Classe 1963. Inizia la professione giornalistica nelle radio e TV locali toscane. Entra nel quotidiano Il Tirreno nel 1985. Nel 1990 approda a la Repubblica, dove si occupa di cronaca e politica interna. Il 22 agosto 2008 viene ufficializzata la nomina a direttore de l'Unità, prima donna a ricoprire tale incarico. Nel luglio 2011 fa ritorno a la Repubblica. Dal 23 settembre 2013 al 27 maggio 2016 conduce su Rai 3 il programma di letteratura e cultura Pane quotidiano. Nel settembre 2018 debutta come conduttrice radiofonica con il programma Cactus, basta poca acqua su Radio Capital. Opinionista in Tv, in particolare a Dimartedì su La7. Ha pubblicato libri, fra gli altri, con Laterza, Mondadori, Sperling & Kupfer, Einaudi, Nutrimenti, Il Saggiatore, Fandango e Feltrinelli.
 
WALTER VELTRONI. Classe 1955. Consigliere comunale di Roma nelle liste del Pci dal 1976 al 1981. Nel 1987 viene eletto per la prima volta deputato. Nel 1992 è nominato direttore de l'Unità. Vicepresidente del Consiglio e Ministro per i beni culturali e ambientali del governo Prodi e segretario dei Democratici di Sinistra dall'ottobre 1998 all'aprile 2001. Nel 2001 viene eletto sindaco di Roma. Segretario del Partito Democratico dall’ottobre 2007 al febbraio 2009. Nel 2013 commenta trasmissioni cinematografiche sul canale Iris di Mediaset. Nel marzo 2014 debutta come regista con Quando c'era Berlinguer. Nel 2015 torna come regista del film I bambini sanno. È co-presidente (insieme a Mikhail Gorbaciov) del Summit Mondiale dei Nobel per la Pace. Ha pubblicato saggi, fra gli altri, con Newton Compton, Editori Riuniti, Savelli, Feltrinelli, Baldini & Castoldi, Sperling & Kupfer, Ediesse e Rizzoli. Tra il 2003 e il 2017, ha pubblicato undici romanzi, di cui nove con Rizzoli, uno con Einaudi e uno con Scheiwiller. In cinque anni, tra il 2014 e il 2019, ha firmato come regista sei documentari e un film. Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia), Gran Decorazione d'Onore in Argento con Fascia (Austria). Gran Croce dell'Ordine pro merito Melitensi (SMOM).