FUORISACCO

"GIOVANNA MARINI SENATRICE A VITA"

RILANCIAMO L'APPELLO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

“Riteniamo che ci siano in Italia poche persone, pochi cittadini e pochi intellettuali che, per eccellenza professionale, passione civile, rigore morale e sobrietà di costumi, meritino quanto Giovanna Marini il più alto riconoscimento civile e istituzionale previsto nel nostro ordinamento democratico”. Con questa motivazione è stato inviato, a suo tempo, al Presidente della Repubblica un appello per la nomina a Senatore a vita di una delle più note e alte esponenti della cultura musicale e popolare italiana. Su iniziativa del sito “Informazione e Democrazia”, l’appello fu sottoscritto da un centinaio di cittadini, intellettuali, professionisti, giornalisti e operatori culturali fra i quali Sandro Curzi, Grazia Francescato, Ivan Della Mea, Beppe Giulietti, Marcelle Padovani e Alessandro Portelli. Rilanciamo ora la sottoscrizione, mentre il settennato di Giorgio Napolitano si conclude, nella prospettiva della nomina di un nuovo Presidente della Repubblica che voglia prendere in considerazione la nostra proposta.

Da ‘cantastorie’ - e cioè da musicista, cantante, compositrice, ricercatrice, animatrice culturale ed etnomusicologa - Giovanna non è solo una delle voci più espressive e più importanti della musica popolare e contemporanea del nostro Paese”, si legge nelle motivazioni della iniziativa. “La tipologia e la qualità delle sue ricerche, della sua produzione, delle sue esibizioni e complessivamente della sua attività ne fanno, in assoluto, uno dei protagonisti della vita culturale nazionale che più hanno contribuito alla formazione e alla tenuta di una risorsa di valori, non solo musicali, alla quale attinge e potrà attingere sempre più il popolo italiano per conservare la propria memoria storica e tutelare la propria identità, in un mondo sempre più globalizzato che però produce e in definitiva si nutre di bisogno di identità”.

- - -

Se l'avesse saputo in anticipo, avrebbe cercato certamente di dissuaderci. E anche ora, non è escluso che tenterà con tutti i mezzi di farci smettere. Ma l'idea di promuovere una raccolta di firme per chiedere al Presidente della Repubblica di nominare Senatrice a vita Giovanna Marini ci sembra proprio una splendida idea. Riteniamo che ci siano in Italia poche persone, pochi cittadini e pochi intellettuali che, per eccellenza professionale, passione civile, rigore morale e sobrietà di costumi, meritino quanto Giovanna Marini il più alto riconoscimento civile e istituzionale previsto nel nostro ordinamento democratico.

Come sintetizzare la sua vita e la sua attività? In molti, specie fra i più giovani, la ricordano per il popolarissimo e vendutissimo Cd Il fischio del vapore, registrato con Francesco De Gregori. Ma la storia di Giovanna parte da molto più lontano e attraversa tutte le vicende sociali, politiche, culturali e musicali dagli anni Sessanta del secolo scorso ad oggi.

Da “cantastorie” - e cioè da musicista, cantante, compositrice, ricercatrice, animatrice culturale ed etnomusicologa - Giovanna non è solo una delle voci più espressive e più importanti della musica popolare e contemporanea del nostro Paese. La tipologia e la qualità delle sue ricerche, della sua produzione, delle sue esibizioni e complessivamente della sua attività ne fanno, in assoluto, uno dei protagonisti della vita culturale nazionale che più hanno contribuito alla formazione e alla tenuta di una risorsa di valori, non solo musicali, alla quale attinge e potrà attingere sempre più il popolo italiano per conservare la propria memoria storica e tutelare la propria identità, in un mondo sempre più globalizzato che però produce e in definitiva si nutre di bisogno di identità.

La sua produzione musicale è molto articolata: nel suo complesso e all'interno di ogni singola realizzazione l'autrice attraversa tradizioni, generi, registri e toni molto diversi, senza mai cadere in un eclettismo gratuito. L'intreccio ha sempre motivazioni al contempo politiche e sociali: le scelte musicali rivelano l'esigenza di dar forma ai contenuti di lotta e di opposizione alle pretese di subordinazione, di sfruttamento e di omologazione del potere ai danni del singolo, in specie dei semplici e dei poveri. L'impiego di tradizioni popolari è testimonianza dell'atteggiamento critico di un'intellettuale aperta alle problematiche di classe. Senza dimenticare che certi emissioni vocali del canto contadino e popolare presentano articolazioni che contrastano la rigidità del sistema tonale egemone nella tradizione musicale occidentale. La sua attività multiforme ne ha fatta una delle figure più importanti nello studio, nella ricerca e nell'esecuzione della tradizione musicale popolare italiana, ma è autrice anche di canzoni e cantate di propria composizione.

Nasce il 19 gennaio 1937 a Roma da una famiglia di musicisti. Musicista di formazione accademica, si diploma nel 1959 al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma con il maestro Benedetto Di Ponio in chitarra classica. Studia musica medioevale e rinascimentale, perfezionando gli studi e la pratica con il massimo chitarrista classico allora vivente, lo spagnolo Andrés Segovia, e con Alirio Diaz. Contemporaneamente si dedica allo studio ed alla pratica di strumenti a corda antichi, come il liuto, che suona nel Concentus Antiqui del maestro Quaranta. Suona liuto e arciliuto nell'orchestra rinascimentale Concentus Fidesque Antiqui.

Sono i primi anni Sessanta quando l’artista incontra e frequenta intellettuali e scrittori come Pier Paolo Pasolini, Italo Calvino, Roberto Leydi, Gianni Bosio e Diego Carpitella che la iniziano alla canzone popolare e alle canzoni d’autore. È la scoperta del canto sociale, o di quella che - con una definizione risalente probabilmente a Giovanna Marini stessa - si comincia a definire come “storia orale cantata”, nel senso di registrazione popolare degli avvenimenti storici mediante lo strumento privilegiato della canzone di composizione anonima e di circolazione orale (ancora attiva nell'Italia degli anni '60, in una società che pure si stava trasformando da prettamente rurale in urbano-industriale).

Da quel momento la sua ricerca musicale presenterà sempre una stimolante dialettica fra elementi "colti" ed elementi popolari, secondo una dinamica presente in tanta grande musica novecentesca, da Janácek a Bartók, da Weill a Eisler a Cardew. Parallelamente all'interesse per le classi subalterne, la Marini nutre una forte passione politica, consapevole com'è del legame che unisce il dato musicale a quello sociale. Fa lungamente parte del gruppo di musicisti d'area alternativa che si raccoglie attorno alla rivista "Nuovo Canzoniere Italiano", fondata nel 1962 da Bosio, portando in giro per l’Italia le canzoni sociali con diversi cantautori politici tra cui Ivan Della Mea, Gualtiero Bertelli, Paolo Pietrangeli, Giovanna Daffini (la grande "cantante contadina" dalla quale la Marini impara la particolare emissione vocale e il repertorio), il Gruppo di Piadena, e i Pastori di Orgosolo con il poeta Peppino Marotto.

Nel 1961 partecipa alla fondazione del Folkstudio di Roma. con Giancarlo Cesaroni e Harold Bradley, cantando con Maria Teresa Bulciolu canzoni popolari dell'Italia centrale e meridionale. Nel 1963 partecipa agli spettacoli “Bella Ciao” al Festival di Spoleto (uno spettacolo che resta nella storia e che provoca scandali e reazioni indignate da parte del pubblico) e “Ci ragiono e canto” con la regia di Dario Fo. Il 3 aprile 1964, partecipa alla Casa della Cultura di Milano alla prima rassegna della canzone popolare e di protesta vecchia e nuova «L'Altra Italia» e incide poi, per i Dischi del Sole, alcune raccolte.

Giovanna Marini diventa una colonna portante dell'Istituto Ernesto De Martino, nel quale raccoglie tutta l'enorme quantità di canti popolari da lei scoperti e catalogati, e per i quali arriva a creare persino uno speciale sistema di notazione musicale. È, la sua, una vera opera di trascrizione della memoria, che le permetterà di trasportarla sul palcoscenico. Inizia anche a comporre lunghe ballate (più propriamente delle cantate) nelle quali racconta la sua esperienza e che interpreta da sola in scena, accompagnandosi esclusivamente con la chitarra.

Fra le prime pubblicazioni discografiche c'è quel “Vi racconto l'America” (1966), uno dei primi esempi di "ballata lunga", che è forma musicale tipica della Marini. Si tratta di un racconto musicato, in cui si alternano approcci vocali e strumentali di diversa matrice: dall'improvvisazione alla filastrocca popolare, dal recitativo operistico alla canzone di protesta, fino alla sillabazione ritmica. A cominciare dal 1967 compone molte musiche per film: tutti quelli di Citto Maselli dal ‘67 in poi, un film di Nanni Loy (“Caffè Express”), film di Pietrangeli, Mattolini, Giancarlo Cobelli, Paolo Breccia, Pelloni e altri. Scrive inoltre molta musica per il teatro: per Carlo Quartucci “Pentesile”, “Funerale” e “Robinson Crusoe”. Per Attilio Corsini, “I Due Sergenti”, “La Pulce” e altri.

Nel 1968 esce un disco che contiene altre due ballate aperte: “Lunga vita allo spettacolo” e “Viva Voltaire e Montesquieu”. Qui la riflessione è trasferita sul significato dello spettacolo, sui legami tra questo e l’impegno politico, sul ruolo dell'intellettuale nella società. I due brani sono contrapposti dialetticamente, quasi in una sorta di domanda e risposta. Particolarmente efficace è la satira dell'impegno come dimensione totalizzante.

La ballata narrativa è la forma prevalente anche in altri notevolissimi dischi come “Chiesa Chiesa” (1967), “La vivazione” (1969) e “Controcanale 70” (1970). Nel 1974 fonda la Scuola popolare del Testaccio, a Roma, trovando altri musicisti assieme ai quali poter suonare: Giancarlo Schiaffini, Michele Iannaccone e Eugenio Colombo. “L'eroe” (1974) e “La nave (è una pura formalità)” sono del 1976. Spesso le tematiche di questi lavori hanno un complesso carattere epico, dove però l'allegoria non è mai disgiunta dalla riflessione militante. Dall'età degli anni Settanta la canta-compositrice torna a occuparsi intensamente di musica d'insieme. La scrittura si fa più elaborata, la partitura musicale sembra quasi prevalere sull'urgenza di trasmettere il messaggio. Una musica più difficile, ma comunque sempre orientata alle problematiche sociali.

Nel 1976 fonda il “Quartetto Vocale”, per il quale scrive molto materiale e fa molta ricerca e trascrizione di materiale etnico. Con questa formazione scrive cinque “Cantate”, con le quali gira tutta Europa e Canada. Del 1977 è lo spettacolo “Correvano coi Carri” (su disco l'anno seguente), cantato da undici donne "non per scelta ma perché non c'erano gli uomini". Al 1978 risale il disco doppio “La grande madre impazzita”, vero e proprio teatro musicale per cinque voci e un trio di jazzisti d'improvvisazione conosciuti alla scuola popolare di musica del Testaccio: un disco di grande valore poetico ed eccellenza musicale; una rappresentazione del mondo d'oggi, fra tradizioni popolari e contadine in frantumi e modernità metropolitana alienante (vedi ancora Pasolini), solitudine urbana, potere soverchiante (la Grande Madre), dimensione mitica e mezzi di comunicazione di massa.

Nel 1983 scrive “Il regalo dell’Imperatore”, opera per quattordici strumenti, coro e solisti, con la quale sta in scena per un mese al Teatro les Bouffes du Nord di Peter Brook e compie tournée in Spagna e Francia. Nel 1984 il Festival d’Automne le commissiona la musica per dodici liriche di Pasolini, che scrive per cinque voci e cinque strumenti. Nello stesso anno, il Festival di Musica di Saint-Denis le commissiona un “Requiem” che lei scrive per orchestra, due cori e solisti. Viene eseguito a Vienna, Amburgo, Roma e Parigi. Ed esce in Francia lo splendido “Pour Pier Paolo: 12 poesie friulane di Pasolini musicate per un organico di voci, ance e percussioni”. Nel 1988 scrive le musiche per “Troiane” di Thierry Salmon, con cui vince il premio Ubu Teatro. Compone anche musiche per teatro in Francia, “On ne badine pas avec l’amour” per Viviane Théofilides; in Germania, “Antigone” di Hans Rheiner; in Svizzera, “Le donne a parlamento” di Michel Voità. Per il bicentenario della Rivoluzione Francese, nel 1989, su incarico del Festival Roma Europa, mette in musica la “Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo”.

Dal 1991 al 2000 Giovanna Marini è anche titolare della cattedra di etnomusicologia presso l'Università di Paris VIII-Saint Denis. Con gli allievi romani e parigini, Giovanna Marini compie viaggi di studio per ascoltare e trascrivere i canti di tradizione orale ancora presenti in Italia nelle feste religiose e profane. Nel 1991 scrive “Spesso il male di vivere ho incontrato” di Montale, per coro, che viene eseguito a Bologna. Scrive nel 1993 “Les regrets de Rome” per un coro dell’Università di Saint-Denis. Questo pezzo verrà poi eseguito in molte città francesi. Nel 1995 scrive la musica per “I Turcs tal Friul” di Pasolini, messo in scena da Teatriditalia e Teatro di Trieste, per la regia di Elio De Capitani, eseguito alla Biennale di Venezia. Ottiene il premio Ubu. Nel 1996, per il Teatro di Avignone, scrive “Vita Nuova”, quartetto d’archi, voce recitante e baritono. Nel 1997 scrive le musiche per “Orestiade” di Eschilo al Teatro Reale fiammingo di Bruxelles. Seguono “Sibemolle” e la “Cantata del Secolo Breve” (ispirata all'opera storica di Eric Hobsbawm) presentata al Théâtre de Vidy, a Losanna, nel 2001.

Nel 2002, assieme a Francesco De Gregori, Giovanna Marini incide l'album “Il fischio del vapore”, che ottiene un successo di vendite senza precedenti facendo conoscere il suo nome, dopo quarant'anni, anche al grande pubblico. Nel 2004, tra le altre cose, mette in musica la “Ballata del carcere” di Reading e il “De Profundis” di Oscar Wilde.

Per rispolverare il repertorio della Marini è stata pubblicata da Alabianca, nel 2006, “Antologia”, una raccolta dei migliori brani dell’artista romana nei suoi quarant’anni di carriera tra l’Italia e l’estero. Ventuno canzoni, di cui tre inedite: “Passerà”, scritto anni fa, “Muto Carmè”, ed “Era domenica”, tratta da un racconto di Hemingway. La Marini, durante lo show case di presentazione dell’album, ha proposto alcuni dei brani più famosi tra cui i tre inediti e “Ulrike Meinhof”.

“Quando ho cantato questa canzone in Germania”, ha spiegato Giovanna Marini, “era il 1995 e al termine della mia esibizione mi si è presentata davanti una ragazza pallida, quasi anoressica, molto gentile e carina. Mi ha detto che avevo scritto una canzone su sua madre e che non avrei dovuto.

Era la figlia di Ulrike Meinhof – morta nel 1976 e militante della sinistra radicale - e insisteva sul fatto che non avrei dovuto dedicare una canzone a quella donna. Io sono rimasta di sasso, e le ho detto che sua madre era invece una persona molto colta, un’intellettuale. E’ difficile essere una persona intellettuale, perché arrivi ad un certo punto in cui la cultura non ti basta più e devi inventarti una vita, allora capita di fare degli errori e di agire in modo sbagliato. Non bisogna però giudicare le persone, così ho detto a quella ragazzina di non etichettare sua madre, perché era una donna molto espressiva e passionale”.

LE OPERE DI GIOVANNA MARINI

BALLATE

1965 • Vi parlo dell’America

1967 • Chiesa Chiesa

1968 • Viva Voltaire e Montesquieu • Lunga vita allo spettacolo

1969 • La Vivazione

1970 • La Nave • La Creatora

1973 • I treni per Reggio Calabria

1974 • L’eroe

 

ORATORI, OPERE E POEMI SINFONICI

1973 • Fare Musica oratorio per strumenti coro e voci soliste, Ed. Mus. Bella Ciao, Milano

1976 • Correvano coi carri oratorio per undici voci e chitarra, prod. Teatro Spazio Zero e Scuola Popolare di Musica di Testaccio di Roma, Ed. Mus. Bella Ciao, Milano

1979 • La grande madre impazzita oratorio per strumenti più percussioni e cinque voci soliste, prod. La Lunga Gittata di Roma, Ed. Mus. Bella Ciao, Milano

1980 • Cantate de tous les jours per quartetto vocale, prod. Théâtre Gérard Philippe di Saint-Denis, Parigi, Ed. Mus. Le Chant du Monde

1981 • Che dirà la gente che si bacia nei caffè, prod. La Lunga Gittata di Roma

1982 • Le cadeau de l’empereur opera per strumenti voci soliste e coro della SPMT

1984 • Pour Pier Paolo cinque liriche di P.P. Pasolini per cinque voci e cinque strumenti, prod. Festival d’Automne, Parigi

1986 • Requiem cantata delle cinque stanze oratorio per due cori, voci soliste e strumenti, prod. La Lunga Gittata di Rome e RAI

1989 • La déclaration des Droits de l’homme per coro voci soliste e strumenti, prod. Festival RomaEuropa e SPMT

1990 • Cantata profana per quartetto vocale, prod. Théâtre de la Bastille di Parigi

1992 • Spesso il male di vivere ho incontrato testo di Montale, per coro e due voci soliste, prod. Associazione Satie, Bologna • Les Naufragés de l’Olympe opera buffa per tre solisti e gruppo strumentale, prod. Théâtre de Vidy di Losanna

1993 • Regrets de Rome testo di Joaquim Du Bellay per coro e baritono solista, prod. Centre Action Culturelle de l’Université ParisVIII Saint-Denis • La vita sopra e sotto i mille metri per quartetto vocale, prod. Théâtre Gérard Philippe di Saint-Denis, Parigi

1994 • La bague magique opera buffa per coro, voci soliste e violoncello su testo di Goldoni, livret di Valeria Tasca e Giovanna Marini, regia di Jean-Claude Berutti, prod. Opera di Nancy e Théâtre du Peuple de Bussang

1995 • Partenze, vent’anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini Cantata per quartetto vocale, prod. Théâtre de Vidy di Losanna

1996 • Vita Nova di Dante di Lulu Menasse prod. France Culture

1997 • Concerto per Leopardi composto da tre brani Coro dei morti, Canto notturno del pastore errante per l’Asia e Ultimo canto a Saffo per coro e quartetto d’archi, eseguito dalla SPMT

1998 • Napoli per voi poemetto sinfonico della durata di 50 minuti per quartetto vocale commissionato dalla Cité de La Musique di Parigi - La Villette • Sibemolle Cantata per quartetto vocale, prod. Théâtre de Vidy di Losanna

1999 • Ustica per quartetto vocale per lo spettacolo I-TIGI, canto per Ustica di Marco Paolini chiesto dell'associazione Familiari delle vittime di Ustica, prod. Comune di Bologna, Comune di Palermo e Romagna Teatri

2000 • La Cantata del secolo breve per quartetto vocale

2004 • La torre di babele per quartetto vocale

 

PER IL TEATRO

1979 • Nora Helmer testo di R. Lerici regia di Carlo Quartucci, prod. Il Camion di Roma

1980 • Robinson Crusoe testo di R. Lerici regia di Carlo Quartucci, prod. Il Camion di Roma

1981 • I due sergenti regia di Attilio Corsini, compagnia Attori e Tecnici di Roma • La pulce di Feydau regia di Attilio Corsini, compagnia Attori e Tecnici di Roma

1982 • Casanova regia di Attilio Corsini, compagnia Attori e Tecnici di Roma • Pantalone regia di Attilio Corsini, compagnia Attori e Tecnici di Roma

1983 • Funerale testo di R. Lerici regia di Carlo Quartucci, prod. La Zattera di Babele di Roma

1984 • Il bacio della donna ragno regia di Marco Mattolini, prod. Teatro di Porta Romana, Milano • Gesualdo coreografie di Anne-Marie Reynaud

1985 • Bent • Drama coreografie di Anne-Marie Reynaud, DD du Four Solaire

1986 • On ne badine pas avec l’amour di Marivaux regia di Viviane Théophilides, prod. Atelier Lyrique du Rhône

1987 • L’école des femmes di Molière regia di Marco Mattolini, Teatro Quirino di Roma

1988 • Troyennes d’Euripide regia di Thierry Salmon, prod. Festival di Gibellina, CRT, Festival d’Avignon, Teatro di Napoli, Der Frauen Festival di Amburgo - Premio UBU della critica per le musiche 1

991 • L’assemblée des femmes di Aristofane regia di Michel Voita, prod. Théâtre de Vidy di Losanna

1994 • Antigone di Sofocle regia di Hans-Guenther Heyme prod. Théâtre de Vidy di Losanna

1995 • I turcs tal Friul di P.P. Pasolini regia di Elio De Capitani, prod. Teatriditalia di Milano, Biennale di Venezia e Teatro Stabile di Trieste - Premio UBU della critica per le musiche

1996 • Oresteia di Eschilo regia di Franz Marjinen, Théâtre Royal Flamand di Bruxelles

1997 • Elektra di Sofocle regia di Hans-Guenther Heyme prod. Théâtre de Vidy di Losanna • Il sogno di una notte di Mezza Estate di Shakespeare regia di Elio De Capitani, prod. Teatriditalia di Milano

1998 • Ion di Euripide regia di Hans-Guenther Heyme prod. Théâtre Gérard Philippe di Saint-Denis • Journal d’Eve di Dario Fo regia di Christine Leboutte

1999 • Blanche-Neige di Robert Walser regia di Rudolph Straub, prod. TeaterSpektakel di Zurigo • Coefore di Eschilo e P.P. Pasolini regia di Elio De Capitani, prod. Teatriditalia di Milano • Animarrovescio coreografie di Adriana Borriello, prod. Inteatro Polverigi e Hebbel Teater di Berlino

2000 • Antigone di Sofocle regia di Patrice Kerbrat prod. INDA Teatro Greco di Siracusa e Teatro Carcano di Milano • Théorème di P.P. Pasolini regia di Christine Leboutte • Eumenidi di Eschilo e P.P. Pasolini regia di Elio De Capitani, prod. Teatriditalia di Milano

2002 • Villarosa su testo di Enzo Alaimo

2003 • Woyzec regìa di Giancarlo Cobelli

2004 • La ballata del carcere di Reading di Oscar Wilde • De profundis di Oscar Wilde

 

PER IL CINEMA

1962 • Matrimonio degli alberi di Folco Quilici e Carlo Alberto Pinelli

1967 • Lettera aperta a un giornale della sera di Citto Maselli, Ed. Mus. CA

1972 • Il sospetto di Citto Maselli, Ed. Mus. CAM • Terminal di Paolo Breccia, Ed. Mus. RCA

1975 • I tre operai di Citto Maselli, Ed. Mus. FONIT CETRA

1977 • Porci con le ali di Paolo Pietrangeli, Ed. Mus. Bixio 1980 • Il mistero del Morca di Marco Mattolini, Ed. Mus. CAM

1981 • I giorni cantati di Paolo Pietrangeli, Ed. Mus. CAM

1982 • Caffé express di Nanni Loy, Ed. Mus. De Laurentis • La giornata di Chiara Brenna di P. Pelloni, Ed. Mus.

CAM 1985 • Storia d’amore di Citto Maselli, Ed. Mus. CAM • La montagna di Carlo Alberto Pinelli, Ed. Mus. COMETA

1986 • Teresa Raquin di Gian Carlo Cobelli, Ed. Mus. COMETA • Avventura di un fotografo di Citto Maselli, Ed. Mus. proprietà dell’autore

1988 • Codice privato di Citto Maselli, Ed. Mus. CAM • Il Tevere di Citto Maselli, Ed. Mus. proprietà dell’autore • I cortili di Roma, Ed. Mus. RAI TRE

1989 • Il segreto di Citto Maselli, Ed. Mus. CAM

1991 • L’alba di Citto Maselli, Ed. Mus. CAM

1995 • Prigionieri della guerra di Yervant Gianikian e Angela Ricci-Lucchi, Ed. Mus. proprietà dell’autore • La fabrique du corps humain di Marc Hureau, Ed. Mus LES FILMS D’ICI • Lacerazioni di Wolfgango De Biasi e Andrea Felici, cortometraggio Ed. Mus. CAM

1996 • Demolizione di Citto Maselli

1998 • Su tutte le vette è pace di Yervant Gianikian e Angela Ricci-Lucchi • Cronache del Terzo Millenio di Citto Maselli 2000 • L'India di Giannikian Lucchi-Ricci

2003 • Oh Uomo di Giannikian Lucchi-Ricci

 

I LINKS DI GIOVANNA MARINI

- Giovanna Marini (www.giovannamarini.it/)

• Istituto Ernesto De Martino (www.iedm.it/)

• Circolo Gianni Bosio (www.circologiannibosio.it)

• Coro Inni e Canti di Lotta (www.inniecantidilotta.com)

• Scuola Popolare di Musica di Testaccio (www.scuolamusicatestaccio.it)

• Banda Scuola Popolare di Musica di Testaccio (www.bandatestaccio.it)

• Micrologus (www.micrologus.it)

• AlaBianca Records (www.alabianca.it/alabianca2000/default.asp)

• Musique Populaire Italienne (http://musicaitalia.free.fr/)

• Materiali sonori www.matson.it/html/default.asp)

• Felmay (www.felmay.it/

• CNI Compagnia Nuove Indye (www.cnimusic.it/)

• ARSVOCIS (www.arsvocis.it/)

• Angelica (www.aaa-angelica.com/)

 

Chi ha firmato?

  1. 1 Alessandra Tamborrino
  2. 2 Beppe Lopez
  3. 3 Dario Fasano
  4. 4 Annamaria Barbato Ricci
  5. 5 Alessandro Di Liegro
  6. 6 SANDRO CURZI
  7. 7 michele genchi
  8. 8 Tiziana ribichesu
  9. 9 Giuseppina Morelli
  10. 10 mimmo liguoro
  11. 11 Stefano Corradino
  12. 12 Silvio Teot
  13. 13 fabio antonini
  14. 14 luisa di gaetano
  15. 15 paola cinco
  16. 16 Daniele Romano
  17. 17 giampiero bellardi
  18. 18 alberto guarnieri
  19. 19 Giuseppe Traina
  20. 20 Alessio Conti
  21. 21 Francesco Pepe
  22. 22 vincenzo granito
  23. 23 Giorgio Roverato
  24. 24 Silverio Cortesi
  25. 25 anna coppola
  26. 26 Pino Bruno
  27. 27 andrea zanni
  28. 28 Aldo Luciani
  29. 29 GRAZIA FRANCESCATO
  30. 30 Ambra Prearo
  31. 31 Luigi Ivan Della Mea
  32. 32 Sandro Petrone
  33. 33 Paola Calorenne
  34. 34 bruna bellonzi
  35. 35 Diego Bucconi
  36. 36 Beppe Giulietti
  37. 37 Gabriele Natilla
  38. 38 maria angela mastronardi
  39. 39 Esther Koppel
  40. 40 Luca Villoresi
  41. 41 Bruno Gherlanz
  42. 42 Susanna Cerboni
  43. 43 Gennaro Ermanno Arbia
  44. 44 Marianna Arbia
  45. 45 Francesca Garofoli
  46. 46 Bianca Idelson
  47. 47 Marilisa (Maria Elisa) Verti
  48. 48 MARCELLE PADOVANI
  49. 49 Matteo Giusti
  50. 50 alessandro portelli
  51. 51 Luca Mori
  52. 52 Andrea Migliozzi
  53. 53 elena grazia marengo
  54. 54 nella condorelli
  55. 55 Paola Marsocci
  56. 56 Valentina Chiarini
  57. 57 silvio biosa
  58. 58 Dal Betto Gustavo
  59. 59 Nella Limonta
  60. 60 Dolores Tosti
  61. 61 chiara acampora
  62. 62 Eliana Acampora
  63. 63 beppe muraro
  64. 64 Mimmo Sambuco
  65. 65 fernando scipioni
  66. 66 franco principi
  67. 67 Giovanni Straniero
  68. 68 cinzia scaccia
  69. 69 Leandro Alessandrini
  70. 70 Francesco Giardinazzo
  71. 71 alessandro ianni
  72. 72 maria luisa boldrighini
  73. 73 Michele Sabatino
  74. 74 Ivan Soccio
  75. 75 Roberto Barbieri
  76. 76 Guido Hermanin
  77. 77 Luigi Ansanelli
  78. 78 mauro di prete
  79. 79 maria angela zumpano
  80. 80 Danilo Lenisa
  81. 81 Pierpaolo Limongelli
  82. 82 saverio insalata
  83. 83 giuseppe bianco
  84. 84 Gabriella Bianchi
  85. 85 Domenico Nucera
  86. 86 salvatore maira
  87. 87 Giorgio Meneghetti
  88. 88 Donato Troiano
  89. 89 morena farina
  90. 90 stefano luzi
  91. 91 renzo flamini
  92. 92 Furio Finocchiaro
  93. 93 loredana cornero
  94. 94 tommaso priori
  95. 95 francesco Carmine Tedeschi
  96. 96 Patrizia Bovi
  97. 97 Francesco Clemente
  98. 98 stefano scarponi
  99. 99 alberto rossi
  100. 100 MariaElvira Cestarolo
  101. 101 Emanule De Candia
  102. 102 Daniela Piretti
  103. 103 Ciro Pellegrino
  104. 104 cesare graziani
  105. 105 arnaldo nesti
  106. 106 Simonetta Bisi
  107. 107 sibilla damiani
  108. 108 Vanna Bartoli
  109. 109 forte francesco
  110. 110 Angelo Giuseppe Fiore
  111. 111 Chiara Casarico
  112. 112 Sabina de Tommasi
  113. 113 salvatore acampora
  114. 114 vera pegna
  115. 115 Giordano Sangiorgi
  116. 116 Antonio De Murtas
  117. 117 mario casini
  118. 118 Michele Bianco
  119. 119 Paolo Maggitti
  120. 120 michele selvaggio
  121. 121 Luigi Bolognese
  122. 122 Maria Moramarco
  123. 123 Michele Bolognese
  124. 124 Giovanna Vittoria
  125. 125 carlo biancalana
  126. 126 francesco bene
  127. 127 ciata colombini
  128. 128 fiorella zaccagnoni
  129. 129 clara murtas
  130. 130 Stefano Mingo
  131. 131 Tommaso Ziliani
  132. 132 Angelo De Leonardis
  133. 133 Francesco Corallo
  134. 134 Roberta Cantarini
  135. 135 jones mannino
  136. 136 Vincenzo Zappa
  137. 137 PATRIZIA PANGRAZI
  138. 138 Alessandro Milana
  139. 139 donatella malingambi
  140. 140 GUSTAVO CERRETI
  141. 141 ermanno sforzini
  142. 142 Baroni Angela
  143. 143 silvia costantini
  144. 144 GABRIELE OTTAVIANI
  145. 145 Maria Frega
  146. 146 Franca Pagani
  147. 147 Antonio Pellegrino
  148. 148 emanuele ceglie
  149. 149 chiara persia
  150. 150 Federica Trippanera
  151. 151 Monica Muto
  152. 152 maria cristina castiglione hum
  153. 153 gianfranco goretti
  154. 154 Luciano ONORI
  155. 155 Clara Gebbia
  156. 156 germana mastropasqua
  157. 157 Maria Marino
  158. 158 Salvatore Titolo
  159. 159 Stanislao Donadio
  160. 160 Angela Petrotta
  161. 161 Massimo Ravenna
  162. 162 Angela Petrotta
  163. 163 bruno mattei
  164. 164 renato lombardo
  165. 165 Mauro Zennaro
  166. 166 clara sereni
  167. 167 Flavia Valletti
  168. 168 francesca mastrantonio
  169. 169 GiuseppeCaltabiano
  170. 170 Paola Mastrantonio
  171. 171 Manca Michele
  172. 172 Giosuè Romano
  173. 173 Annunziata Vastola
  174. 174 Rosaria Romano
  175. 175 Francesco Romano
  176. 176 Giuseppe Fusacchia
  177. 177 Enrico Franceschelli
  178. 178 Ottaviano Nenti
  179. 179 Antonella Costanzo
  180. 180 Alessandro D Alessandro
  181. 181 Loredana Stefanoni
  182. 182 ROBERTA PIROZZI
  183. 183 Elisabetta Mattei
  184. 184 Sara Modigliani
  185. 185 stefania cano
  186. 186 massimo lella
  187. 187 Anna Macchi
  188. 188 Aldo Pentassuglia
  189. 189 Andrea Ganugi
  190. 190 Lidia Vadalà
  191. 191 Vincenzo Consiglio
  192. 192 Luigi Vedovati
  193. 193 Maria Antonietta TIMI
  194. 194 Giuseppina De Maria
  195. 195 Domenico Serino
  196. 196 Enrico de Angelis
  197. 197 anna capuani
  198. 198 Alessandra Mitidieri
  199. 199 riccardo isola
  200. 200 Paolo Talanca
  201. 201 Bartoli Bartolucci Francesco
  202. 202 Bartoli Bartolucci Anita
  203. 203 Jacopo Tomatis
  204. 204 Daniela DOttavi
  205. 205 Franco Arba
  206. 206 Giampietro Stocco
  207. 207 Francesco Snoriguzzi
  208. 208 Luciano Trevisan
  209. 209 Cristina Burani
  210. 210 marina leone
  211. 211 maria adorni
  212. 212 renato centanin
  213. 213 Carlo Colli
  214. 214 Franca Bertolone
  215. 215 Luciano Di Ienno
  216. 216 VITTORIA MARIA PERI
  217. 217 camilla zanzi
  218. 218 associazione EOS
  219. 219 piero macrì
  220. 220 Timisoara Pinto
  221. 221 Andrea Satta
  222. 222 Lucia Deleo
  223. 223 Riccardo Cosmelli
  224. 224 patti
  225. 225 Riccardo Marini
  226. 226 Laura Mattei
  227. 227 ariela riva
  228. 228 anna rita sgamma
  229. 229 Mauro Zennaro
  230. 230 Romano Puglisi
  231. 231 Antonio Granese
  232. 232 Antonella Devescovi
  233. 233 roberta montagna
  234. 234 susanna carraro
  235. 235 Stefano Pogelli
  236. 236 Alessandro Sgritta
  237. 237 Luca De Carlo
  238. 238 annalina ferrante
  239. 239 annarita marchionna
  240. 240 Michela Polini
  241. 241 lorenzo fiore
  242. 242 carlo gardenti
  243. 243 Daniela Luzi
  244. 244 giulia barile
  245. 245 ENRICO CARRETTA
  246. 246 Cesare Bardaro
  247. 247 daniele milli
  248. 248 Gigi Marras
  249. 249 Luana Vacchi
  250. 250 massimiliano cortivo
  251. 251 Maria Gavina Saba
  252. 252 Antonio Russo
  253. 253 Marina Princivalle
  254. 254 Romano Pogelli
  255. 255 corbo angelo
  256. 256 marina de tullio
  257. 257 Niola Luigi
  258. 258 Andrea Uberti
  259. 259 Giuseppe Cozzetto
  260. 260 Maria Roberto
  261. 261 Bruno Casini
  262. 262 Susanna Bellucci
  263. 263 Fausto Amodei
  264. 264 giovanna saba
  265. 265 DOMENICO MASSIMO
  266. 266 adriano zecca
  267. 267 Anna Maria Vastola
  268. 268 giovanna malavolti
  269. 269 maria domenica migliaro
  270. 270 Mauro Zennaro
  271. 271 Andrea Pastorello
  272. 272 Massimo Sabbatini
  273. 273 laura pontecorvo
  274. 274 Sergio Mazzoli
  275. 275 MAURIZIO LONGO
  276. 276 Deda Cristina Colonna
  277. 277 massimiliano toni
  278. 278 Giulietta Paolini
  279. 279 TORREGROSSA GIUSEPPINA
  280. 280 Gianluca Porcarelli
  281. 281 MARIA CRISTINA RINALDI
  282. 282 Paola Scaramazza
  283. 283 Gerardina Marseglia
  284. 284 Michelangelo Lo Presti
  285. 285 Nicola Lofoco
  286. 286 Emanuela Panaro
  287. 287 Giuseppantonio Galanto
  288. 288 Maria Nardelli
  289. 289 Fabio Guardabassi
  290. 290 Maria Zaccaria
  291. 291 anna andreotti
  292. 292 Piero Nissim
  293. 293 Carlo Guassone
  294. 294 jean-patrice hofner
  295. 295 Antonino Simeti
  296. 296 giuseppe di palma
  297. 297 Lorenzo Chiavetta
  298. 298 walter zanoni
  299. 299 claudio vincnti
  300. 300 paolo perulli
  301. 301 elisa pruno
  302. 302 francesco lacerenza
  303. 303 Edvige Ricci
  304. 304 stefano carlo vecoli
  305. 305 francesco guzzetta
  306. 306 Simona Zecchi
  307. 307 Alessandro Bramucci
  308. 308 vito proserpi
  309. 309 beppe mazzon
  310. 310 Paolo Marranci
  311. 311 Antonella Cocolli
  312. 312 Vincenzo Maielli
  313. 313 tonino pecoraro
  314. 314 vincenzo manfredi
  315. 315 renato piccolo
  316. 316 donatalonardi
  317. 317 remo rapino
  318. 318 Raffaele Tassoni
  319. 319 Luca Nulchis
  320. 320 Sebastiano Demuro
  321. 321 Stefano Iodice
  322. 322 Alfredo De Giovanni
  323. 323 Giuseppe Fiorito
  324. 324 Vincenzo Castorio
  325. 325 Stefano Billi
  326. 326 arturo accolti gil
  327. 327 alberto maritati
  328. 328 ennio romolo epifania
  329. 329 Lilli D Amicis
  330. 330 bettinelli g.antonio
  331. 331 francesco lo piccolo
  332. 332 guido rampoldi
  333. 333 antonella trentin
  334. 334 Lorenzo Torre
  335. 335 ortore michele
  336. 336 Antonio Basile
  337. 337 Giuseppe PARISI
  338. 338 Maria Teresa Settepanell
  339. 339 Barbara Bernardi
  340. 340 Piero Giannini
  341. 341 emanuela zamberla feruglio
  342. 342 Toni Piccini
  343. 343 Andrea Rényi
  344. 344 Giuseppe Torre
  345. 345 mara bianchi
  346. 346 Ivan Virgulto
  347. 347 serena iannicelli
  348. 348 Daniela Dovolich
  349. 349 pietro ragni
  350. 350 Giuseppe Di Mauro
  351. 351 TERESA MARIA RAUZINO
  352. 352 Michele Angelicchio
  353. 353 virginia giannini
  354. 354 andrea daconto
  355. 355 walter tauber
  356. 356 TOMMASO NATALE TAVAGLIONE
  357. 357 del giudice domenico
  358. 358 leonardo di conzo
  359. 359 adelaide zagaria
  360. 360 giorgio scaramuzzino
  361. 361 maria ludovica mancusi
  362. 362 edoardo maria scaramuzzino
  363. 363 Livia scaramuzzino
  364. 364 eugenia scaramuzzino
  365. 365 Ciro Sagitto
  366. 366 Pasquale Mancuso
  367. 367 Carla Fioriello
  368. 368 Walter Girolami
  369. 369 Sirio Girolami
  370. 370 Fabio Midolo
  371. 371 corrada risino
  372. 372 alessandra tarquini
  373. 373 stefano santaniello
  374. 374 Isabelle METZ
  375. 375 anna lombroso
  376. 376 Esther Koppel
  377. 377 Giacomo Ferrante
  378. 378 raffaele niro
  379. 379 Paolo Casiddu
  380. 380 Angelo Bedini
  381. 381 Flaviano De Luca
  382. 382 Marzia Bouché
  383. 383 Alberto Scarso
  384. 384 Lorenzo Carletti
  385. 385 Giuseppe Lombardo
  386. 386 fabrizio borsella
  387. 387 dario fossarello
  388. 388 Riccardo Ambrosini
  389. 389 EZIO DI SANZA
  390. 390 francesco s. calabresi
  391. 391 anna pitotti
  392. 392 francesco valori
  393. 393 danilo andriollo
  394. 394 susanna candiolo
  395. 395 Francesco Forges Davanzati
  396. 396 Flaviano Mario Coletta
  397. 397 dorina orsini
  398. 398 Antonio Peratoner
  399. 399 Maria Grazia Visintainer
  400. 400 Giorgio Barba
  401. 401 Micol Barba
  402. 402 marisa foppiani
  403. 403 stefano arrighetti
  404. 404 andrea fontanelli
  405. 405 Giulio Vittorangeli
  406. 406 francesca ballico
  407. 407 Marco Vilevich
  408. 408 Riccardo Murgia
  409. 409 Vando Borghi
  410. 410 Mauro Mou
  411. 411 graziano sampò
  412. 412 cristina stella
  413. 413 Franca Stella
  414. 414 Raffaele Tobaldini
  415. 415 Fabrizio Zaccarini
  416. 416 rocco fragòla
  417. 417 lorenza parisi
  418. 418 giorgio civiero
  419. 419 franca speroni
  420. 420 gianvito fusilli
  421. 421 Carlo A. Silenzi
  422. 422 Elisabetta Lombardi
  423. 423 Antonio Campigotto
  424. 424 Cinzia Russillo
  425. 425 Ass. culturale Artiglio
  426. 426 Franco Valsecchi
  427. 427 Maria Palermo
  428. 428 Lorena Curcio
  429. 429 marco linetti
  430. 430 antonello marras
  431. 431 Maristella Buonsante
  432. 432 vincenzo
  433. 433 Luciana Di Mauro
  434. 434 cinzia barlozzi
  435. 435 giorgio parisi
  436. 436 silvia costantini
  437. 437 maria gemma azuni
  438. 438 Marco Bazzotti
  439. 439 Andrea Contino
  440. 440 marina frigerio
  441. 441 Margherita Maffei
  442. 442 Fabio Ghelli
  443. 443 Andrea Lionello
  444. 444 marina ugolini
  445. 445 corrado saltarelli
  446. 446 Pino De Stefano
  447. 447 Marco Ranieri
  448. 448 carla bozzola
  449. 449 Paolo Serventi Longhi
  450. 450 Francesco Pepe
  451. 451 liliana wieczorek
  452. 452 Alfredo De Giovanni
  453. 453 Doriana Minervini
  454. 454 Emilia Frassanito
  455. 455 Miranda Spinato
  456. 456 Iosé Esposito
  457. 457 mariacarla rossi
  458. 458 Pasquale Fucci
  459. 459 Camillo Franchi Scarselli
  460. 460 paola porry pastorel
  461. 461 ugo colombino
  462. 462 Immacolata Pollice
  463. 463 Mario Mancini
  464. 464 Maria Beatrice Brindisi
  465. 465 Ass.Cult. CIRCOLOdellaZAMPOGNA
  466. 466 Antonietta CACCIA
  467. 467 Angelo BAVARO
  468. 468 Salvatore Vallario
  469. 469 Giuseppe Spedino Moffa
  470. 470 Alessandro Testa
  471. 471 Sara Ferri
  472. 472 Annita Carugno
  473. 473 Achille PORFIRIO
  474. 474 Angela Rega
  475. 475 Goffredo Degli Esposti
  476. 476 NICOLA FRENZA
  477. 477 Fernando Cefalogli
  478. 478 Adriana Gandolfi
  479. 479 VITANTONIO DE CANDIA
  480. 480 Salvatore Esposito
  481. 481 Domenica Santarsiero
  482. 482 Erasmo Treglia
  483. 483 angelo viglianti
  484. 484 lucia sardella
  485. 485 Alessia pistolini
  486. 486 Luigi Annessa
  487. 487 Debora Malerba
  488. 488 Marianna Fazzi
  489. 489 antonio iannarelli
  490. 490 MARCO BARTOLINI
  491. 491 Francesco Novelli
  492. 492 Graziella Medves
  493. 493 cristina martone
  494. 494 Francesco Giardinazzo
  495. 495 Serena Stangherlin
  496. 496 vito ranieri
  497. 497 Teresa Bustelo
  498. 498 Angelo Fracassi
  499. 499 giuliano capecelatro
  500. 500 roberto di nunzio
  501. 501 Barnypok
  502. 502 Barnypok
  503. 503 Barnypok
  504. 504 Emanuele Tammaro

Aggiungi la tua firma

 

Fuorisacco più recenti