Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l'informativa estesa ai sensi dell'art. 13 del Codice della privacy. L'utente consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Vai al blog di Beppe Lopez su il Fatto quotidiano
macchina da scrivere

Blog

ANGELO SFERRAZZA

  • IL FALLIMENTO
    DI NETANYAHU

    data: 15/06/2019 17.23

    Non era mai successo, dalla fondazione dello Stato di Israele del 1948, che dopo le elezioni per il rinnovo della knesset non fosse possibile formare il governo. Questo è accaduto. L’ultimo re, melek yisrael, Benjamin Netanyahu, che voleva raggiungere Ben Gurion, non c’è riuscito. Quello che fu definito un referendum, è naufragato sugli scogli di un piccolo partito di destra, cinque parlamentari, ma determinante per raggiungere la maggioranza, Israel  Beitenu, a capo del quale c’è Avigdor Lieberman, già ministro della Difesa, nemico storico di Netanyahu, che dimettendosi per contrasti sulla linea di condotta per Gaza, fece cadere il precedente governo.

    Prima di arrivare alla decisione di rinunciare, nei 45 giorni concessi per la formazione del governo, Netanyahu ha tentato disperatamente tutte le strade possibili e contraddittorie, addirittura  fino ai laburisti che hanno ottenuto il risultato  più basso della grande storia del partito. Il segretario Avi Gabri si è dimesso. Quando si è convinto che non sarebbe riuscito e nel timore che il Capo dello Stato,  Renven Rivlin, potesse affidare l’incarico a Benni Gantz, il leader di “Blu e Bianco” che nelle elezioni ha ottenuto lo stesso numero dei seggi del Likud 35, sul filo di lana, Netanyahu ha fatto approvare la legge per lo scioglimento della knesset. Data delle elezioni il 17 settembre.
    Qualcuno ha detto “un anno perduto”. Il fallimento di Netanyau cade in momento assai complicato nel Medio Oriente e nella confinante parte africana, dal Sudan  alla Libia e nello Yemen dove si combatte una guerra della quale nessuno più parla. La crisi Usa-Iran passa da alti bassi. Intanto nel Golfo russi e americani giocano alla battaglia navale con la situazione in Siria sempre più confusa. Il califfato, dichiarato defunto come Stato, si è velocemente trasformato in una rete terroristica capace di colpire ovunque. E tutto questo in presenza di una linea Trump, ondivaga e incoerente. Trump, il munifico protettore di Netanyau, che gli ha regalato lo spostamento dell’Ambasciata Usa a Gerusalemme e qualche giorno prima delle elezioni, addiritittura il Golan, in spregio a tutti gli accordi e le risoluzioni dell’Onu, promette  nello stesso tempo un “Deal for Century”, l’“accordo del secolo”, che dovrebbere risolvere la crisi israelo-palestinese. Un piano a cui ha dedicato molto del suo tempo e crediblità politica, Jared Kushner, consigliere speciale della Casa Bianca e  genero di Donald Trump e Jason Greenblatt, uomo di fiducia del Presidente.  
    Il Piano verrà discusso nella parte economica il 25 e il 26 giugno nel Bahrain a Manama. Se si terrà, qualcuno ha ventilato un rinvio. Intorno al tavolo siederanno diplomatici di Emirati Arabi, Baharain, Arabia Saudita,  fedelisssimi alleati di Trump dell’area e per la prima volta Israele. I Palestinesi non saranno presenti. Un piano non condiviso da tutti, anche dallo stesso Segretario di Stato Mike Pompeo che lo ha definito “non particolarmente originale”. Il piano sarà analizato soprattutto nella parte economica. Sono previsti sostanziosi investimenti per i palestinesi intorno ai 90 miliardi, non solo americani, ma anche del Fondo monetario. Sarà l’Arabia Saudita ad accollarsi il maggior peso finanziario. Non si parlerà certo dei territori, di Gerusalemme, della sicurezza.
    Israele bloccato dalla crisi politica, non potrà esporsi più di tanto. Politicamente però è la riprova sanzionatoria (se ce ne era bisogno…) della coincidenza di interessi con il mondo arabo moderato in funzione anti iraniana. Problema, quello dell’Iran, gestito non troppo brillantemente da Trump, che alterna segnali moderati, ad un aumento della sanzioni e della minaccia di inviare truppe nella zona. Il vertice di Manama dei prossimi giorni, se si terrà, non aggiungerà molto a Netanyau per le prossime elezioni, perché queste si giocheranno pesantemente in casa e sui nuovi rapporti di forza fra le varie famiglie poltiche di Israele. Israele è una democrazia consolidata, con radici lontane, ma ha anche delle peculiarità riportabili al fattore religioso e l’insuccesso di Natanyau lo testimonia.
    E’ sulla legge che limita ai giovani ortodossi il dovere di fare il servizio militare, che tutto è crollato. Gli ortodossi aumentano il loro peso elettorale e questo è dovuto ad un aumento assai sensibile delle nascite: ora sono il 12% della popolazione, nel 2040 il 20. I due partiti Shas (sefardita) e Giudaismo unito nella Torah saranno l’ago della bilancia. La società israeliana diventerà sempre più religiosa e osservante, una società dove ora anche i laici rispettano le tradizioni, controcorrente al nostro mondo dove i valori religiosi si stanno lentamente spegnendo. Prevedere cosa accadrà il 17 settembre è prematuro con i problemi sempre caldi, dalla Cisgiordania a  Gaza. Con per Netanyau un ulteriore problemino: le sue vicende giudiziarie.
    E i palestinesi? Già i palestinesi… Una parte della soluzione l’ha suggerità qualche giorno fa l’ambasciatore americano in Israele, David Friedman: “Israele può annettersi parti della Giordania”! Un altro regalino di Trump, che ha rapidamente smentito. Come fa spesso. 

  • NETANYAHU, L'ULTIMO
    DEI RE DI ISRAELE

    data: 17/04/2019 12.48

    I titoli e foto del “buco nero” in prima pagina dei quotidiani, hanno messo in disparte, senza ”oscurarli”, quelli della vittoria di Benjamin Netanyahu. Israele ha incoronato l’ultimo re, melekh yisrael. Mai come in queste ultime elezioni l’attesa è stata così forte, anche se ad occhi e orecchie attenti, rimanevano pochi dubbi sul risultato. Non sono state elezioni, ma un referendum. Netanyau ha vinto sorpassando così il mandato di Ben Gurion e guiderà il trentacinquesimo governo di Israele. Sempre che non sopravvengano  eventi nuovi, come i guai giudiziari.
    Guiderà un Israele completamente cambiato, che non assomiglia più all’Israele dei padri fondatori, per la stragrande maggioranza aschenaziti, che traevano ispirazione da una forma di sionismo socialista e utopico, del quale Ben Gurion fu un teorico, quell’Israele nato dai kibbutz laici e religiosi, con una popolazione nata nella sofferenza, nel sacrificio, nella paura, nella fatica. Lontana anni luce dal benessere, dal livello di vita d’oggi. 
    Per capire ciò che sta succedendo in Israele bisogna innanzi tutto conoscere la biografia di Bibi Netanyahu, le sue radici culturali, le sue esperienze. Il primo Presidente è nato nel 1949 un anno dopo la nascita dello Stato ebraico. Suo nonno, giornalista, veniva dalla Bielorussia e si chiamava Natan Mileikovsky, ma si firmava Netanyahu, cognome più sefardita e che vuol dire “dato da Dio”. Nella formazione del giovane Netanyahu molto contò il padre, Benzion, sostenitore della corrente nazional-religiosa, in contrapposizione a quella socialista e laica. Benjamin Nethanyahu ha vissuto negli Stati Uniti, ha frequentato il Mit, esperienze di lavoro nel mondo della finanza, con cittadinanza americana, alla quale rinunciò quando entrò in diplomazia. Combattente nei servizi speciali nella guerra del 1973, con un fratello eroe, Yoni, che comandò l’operazione di liberazione degli ostaggi a Entebbe rimanendo ucciso. Carriera diplomatica, poi in politica nel Likud, il partito di destra.
    Nel 1996 primo ministro, nel momento in cui Israele cominciava a cambiare faccia, con una massiccia emigrazione dalla Russia di quasi un milione e mezzo di persone dopo la caduta del muro di Berlino e l’apertura della frontiere nell’Urss in via di liquidazione. Questa emigrazione massiccia, assieme a quella dai paesi arabi, con un radicato sionismo religioso, tamponò il pericolo dell’aumento della natalità di quella palestinese, ma mutò l’equilibrio delle forze politiche, con elettori non cresciuti certamente in paesi democratici.
    La congiuntura politica internazionale ha favorito la vittoria di Netanyahu, ma anche la sua indubbia abilità e la situazione economica del Paese. L’economia  cresce solo di poco meno del 4 per cento, il reddito pro capite sfiora quasi i quaranta mila dollari, di un quarto superiore al nostro. Niente disoccuppazione, servizi, comunicazioni e viabilità perfetti, esportazioni di alto valore tecnologico e militare. Ma Netanyahu ha vinto sul piano politico, quello della sicurezza. Non ha fatto operazioni militari all’estero se non con l’aviazione, nessun soldato della Tsal ha messo piede fuori dei confini di Israele e questo ha significato meno morti e attentati diminuiti. Ha contenute le minacce dell’Iran con una stretta alleanza con Arabia Saudita ed Egitto e Usa naturalmente. Una diplomazia vivace e un po’ spregiudicata con paesi che non sono esempi di democrazia e con un passato non limpido nei confronti degli ebrei, come i paesi Visegrad. Ma su questo si può passar sopra, se il fine è quello di un vantaggio per Israele. Con Trump e Putin, che ha incontrato poco prima delle elezioni, la sintonia è perfetta. Buonissimi i rapporti con la Cina. Trump dosa i tempi delle “donazioni”: l’ultima è stata quella del Golan, che gli Israeliani già controllavano dal ’67. Forse darà il via anche alla annessione della Cisgiordania! Intanto nell’attesa ha inserito i Pasdaran, i Guardiani della rivoluzione khomeinista nella lista dei gruppi terroristici mondiali.
    Questo non significa che l’Iran non sia un pericolo per Israele appoggiando gli Hezbollah in Libano e Hamas nella striscia di Gaza. Il rullo compressore di Netanyahu, se formerà il governo, continuerà ad avanzare. Molta terra è già stata asfaltata, basterà cambiare il nome delle strade! Netanyahu negli ultimi giorni della campagna elettorale ha promessoche, in caso di vittoria, avrebbe annesso i territori degli insediamenti. Un sogno lontano la nascita di due Stati. Se formerà un governo con la maggioranza che ha con i partiti religiosi, il completamento di “Israele Stato-Nazione degli Ebrei” sarà totale. Nella West Bank e a Gerusalemme, ma anche nel rapporto con la minoranza araba di cittadinanaza israeliana, che in queste elezioni invece di unificarsi si è ancor più divisa, diminuendo sensibilmente il numero dei parlamentari alla Knesset.

    A sinistra le cose sono andate male. Non gli oppositori del Likud, i Blu e Bianco dell’ex capo dell’esercito Benny Gantz che ha pareggiato 35 a 35. I Blu e Bianco sono stati un elemento di novità nel panorama della sinistra con il tracollo dei laburisti. Un pareggio che potrebbe in qualche modo interessare qualche “scuola di pensiero” negli Usa. La vittoria di Netanyahu sarebbe stata perfetta se la sonda lunare Bereshit (“in principio”), contenente una capsula del tempo digitale con oltre cinquanta milioni di pagine di dati, tra cui l’Antico Testamento e che avrebbe fatto di Israele il quarto paese spaziale, non si fossse fracassata nel suolo lunare. Forse un messaggio per Bibi Natanyahu. 

  • VENEZUELA, LA POLVERIERA

    data: 06/02/2019 11.46

    Il sogno infranto di Simon Bolivar: liberare le provincie andine e unificarle in un solo Stato, la Grande Colombia. Ci riuscì, ma per pochi anni. Dalla frantumazione del progetto nacquero numerose repubbliche. Le nazioni dell’America Latina non furono mai, con qualche rarissima eccezione, in guerre fra di loro perché sono sempre e perpetuamente in guerra contro se stesse! Colpi di Stato, rivoluzioni più o meno sanguinose, dittature feroci, deboli democrazie a tempo. Ecco perché l’America Latina è rimasta fuori dai grandi teatri strategici del mondo, una solitudine spesso improduttiva, sul piano economico e su quello politico. L’America Latina non guarda a est o ad ovest, solo a nord verso gli Usa, con la “dottrina Monroe” minacciosamente sospesa sulla sua testa, dottrina che gli Usa hanno sempre applicato in varie forme, considerando l’America Latina il loro patiolito (cortiletto), come dicono i sudamericani.
    Fu J.F. Kennedy a tentare una politica nuova con “Alleanza per il Progresso”, un progetto che aprì i cuori alla speranza fra i giovani e le non numerose élites locali. L’Alleanza naufragò, combattuta come fu dalle oligarchie nordamericane e dalla mancanza di seri interlocutori politici nei Paesi interessanti. I mali di allora sono rimasti: grandi ricchezze e spaventosa povertà, una forbice sociale che resta immobile nel tempo, le immense periferie, la violenza, la corruzione, l’esclusione dei popoli andini e soprattutto lo sfruttamento delle ricchezze con nessuna ricaduta sulla gran parte delle popolazioni. 
    A turno c’è sempre un Paese latino americano al centro delle cronache: ora è il turno del Venezuela. Qualcosa di importante successe nel 1992: Ugo Chavez un giovane militare nazionalista di sinistra tentò un colpo di Stato, fallito. Condannato, fu scarcerato e “perdonato”: nel 1998 fu eletto Presidente con un programma retorico, rivolto soprattutto ai diseredati, alla gente dei barrios, che Chavez ha usato come potente massa di manovra. La politica di Ugo Chavez fu, a dir poco, sconcertante, con la sua megalomania che lo portava a credere di esser l’erede di Castro. Le promesse non furono mantenute: la ricchezza del petrolio non andò a beneficio delle masse che lo portarono in trionfo al palazzo di Miraflores.
    Il suo successore Nicolàs Maduro è riuscito a far di peggio, per incapacità e perché la situazione è così deteriorata da non poter essere corretta. Economia a pezzi, inflazione alle stelle, povertà, tasso di omicidi più alto del continente, fame, mancanza di tutto, emigrazione che supera il milione di persone, prezzo del petrolio a picco.
    Che accadrà a Caracas? Gli schieramenti sono ormai definiti da una parte e dall’altra: quello di Juan Guaido’, il Presidente dell’Assemblea Parlamentare, che forte di una interpretazione della Costituzione si è autoproclamato il 23 gennaio Presidente della Repubblica e quello di Nicolàs Maduro Presidente appena rieletto, secondo l’opposizione con brogli. Con Juan Guaido’ gli Stati Uniti, il Canada e la maggior parte dei Paesi latinoamericani, ad eccezione di Messico, Bolivia, Cuba, Nicaragua. Regista forte, il Brasile di Bolsonaro che ambisce a diventare paese guida dell’America Latina con l’“autorizzazione” degli Usa che lo considerano già fedele alleato. Con Maduro, Russia, Cina, Iran e Turchia. In pochi giorni il sostegno al giovane autopresidente si allarga notevolmente. Anche l’EU si sveglia e il Palamento Europeo a maggioranza riconosce, a maggioranza, Juan Guaidò assieme a molti Paesi europei. Solo l’Italia non ha scelto. La linea europea, a differenza di quella rude di Trump che manda soldati in Colombia e “ordina” a Maduro di andarsene e lo minaccia di incarcerarlo a Guantanamo, è ingentilita dalla richiesta di nuove elezioni, quasi il Venezuela fosse una tranquilla contea del Kent, abituata da secoli alla democrazia. Il Venezuela è una polveriera, ultimo fronte di scontro fra gli Usa e Russia e Cina. Quest’ultima, per ragioni economiche e finanziarie avendo prestato a Caracas ben 60 miliardi di dollari in cambio di petrolio!
    Per la Russia di Putin l’appoggio a Maduro è politico e strategico. Ha libero accesso per la sua aviazione militare negli aeroporti venezuelani, così come in Bolivia. Contractor russi dell’organizzazione Wagner sarebbero già a Caracas, pronti a difendere Maduro: una delle tante notizie ad effetto. Quello che deve preoccupare sono le milizie civili, le varie polizie e le forze armate. I militari, coinvolti in traffici di ogni genere sono il vero ago della bilancia. Per ora si dichiarano fedeli a Maduro. Ma fino a quando? Anche perché Maduro non è Chavez, non ha il carisma per esserlo e poi perché non ha un contatto diretto con i militari che lo hanno sempre considerato il sindacalista della metropolitana! Diverso il rapporto con le innumerevoli milizie, composte da civili legate a lui politicamente, armate,  determinate e pronte a tutto.
    Chi getterà per primo lo zippo nella polveriera? Il giovane Juan Guaidò, che si fa fotografare con moglie elegante e figlioletto in una posa da reali scandinavi o il pericoloso Maduro, che non ha più niente da perdere?
     

  • KIEV, PATRIARCHI E MISSILI

    data: 17/01/2019 09.19

    Il 7 gennaio a Istambul Bartolomeo I, Patriarca ecumenico di Costantinopoli, primus inter pares, ha firmato il Tomos (decreto) che concede alla Santissima  Chiesa Ucraina l’autocefalia. Da questo momento in poi la Chiesa ortodossa di Kiev non dipenderà più dal Patriarca di Mosca Kirill, a cui era sottomessa dal 1686. Può sembrare un atto amministrativo, di autogoverno  organizzativo. Non lo è. Laicamente si potrebbe dire che è un forte atto politico, ma con un significato diverso dal nostro, con radici lontane, secolari, che la situazione attuale ucraina ha riacceso.
    L’Ucraina, come dice la stessa parola, vuol dire confine, faglia fra fedi, culture, lingue diverse, con gli ucraini dell’ovest che parlano ucraino e quelli dell’est  russo, una divisione più che etnica, culturale. Sul piano religioso oltre la divisione fra cattolici e ortodossi, pesa quella fra le varie chiese ortodosse: tre, una sola legata al Patriarcato di Mosca. Le altre due vicine al governo ucraino. Il Tomos di Bartolomeo I è un duro colpo per il Patriarcato di Mosca che tendeva ad unificare le tre Chiese ortodosse ucraine, sotto la sua autorità. Il rischio si allarga, con la possibile rottura (comunione) fra Mosca e Costantinopoli e le altre Chiese ortodosse nel mondo.
    Gli ortodossi sono oltre 260 milioni, oltre cento in Russia. Da questo ragionieristico elenco sono escluse le altre Chiese che non hanno riconosciuto  il Concilio di Calcedonia del 451 d. C., copti egiziani, ortodossi etiopi ed altri. Un riflesso lo si avrà anche nel processo ecumenica che Papa Francesco e il Patriarca di Mosca Kirill avevano iniziato. Le Chiese ortodosse sono fortemente nazionaliste. Ricordare Stalin che durante la seconda guerra mondiale utilizzò la Chiesa per risvegliare i sentimenti patriottici dei russi, concedendo qualcosa al Patriarcato in tema di libertà religiosa. Sotto tutela più o meno forte, la Chiesa ortodossa russa è stata utilizzata dai suoi successori. Ma è con Gorbaciov che le cose cominciano a cambiare anche se l’ateismo di Stato sopravvive, almeno negli articoli della Pravda.
    Una occasione è offerta al nuovo Segretario dai festeggiamenti per il millenario del battesimo che il principe Vladimiro impose ai sudditi nel fiume Dnepr nel 988. Una conversione che porta alla nascita della Rus di Kiev, una conversione poco mistica e molto politica. Il 10 giugno del 1988 nel palcoscenico del Bolscioi siedono il patriarca Pimen e Raisssa Gorbaciova, la grande regista della rinascita della chiesa ortodossa, a ricordare questo evento. Lentamente la chiesa ortodossa riprende il suo posto nella “divisione” dei poteri nella nuova Russia che avanza e che trova in Putin il convinto assertore della compartecipazione. Di minoranza naturalmente.
    La guerra in Ucraina è lo specchio del binomio religione e potere, che la variante ortodossa esalta nel contrasto tra Kiev, Mosca e Istambul. Perché l’Ucraina in tema di religione è un caso a parte nella secolare lotta fra russi, polacchi, impero austro- ungarico. Tornando alla politica di questi giorni lo “scisma”, come lo ha definito il patriaca Kirill è una risposta di Kiev alla azione militare di Mosca nel Donbass, in Crimea e mare d’Azov che sta creando danni enormi all’economia di Kiev. Ciò che sta accadendo nel mare d’Azov è molto grave e indicativo della politica dura di Putin verso l’Ucraina.. Mosca non solo non ha rispettato il trattato del 2003 che stabiliva che il mare di Azov apparteneva all’Ucraina e alla Russia, ma ha avanzato la flotta militare dal mar Caspio in avanti. Con un tocco di furbizia, i russi hanno costruito un ponte che collega il territorio russo alla Crimea così basso da impedire il passaggio delle navi ucraine dirette ai porti ucraini da dove parte gran parte delle esportazioni.
    Si è giunti allo scontro fra navi da guerra dei due paesi, con i russi che hanno cannoneggiato e poi bloccato due navi ucraine che tentavano di attraversare lo stretto di Kerch. Alcuni marinai ucraini sono stati fatti prigionieri e trasferiti a Mosca, dove ancora sono. Putin, anche per ragioni interne, ha bisogno di rafforzare la sua immagine, con una caduta del gradimento, soprattutto con la riforma delle pensioni. Ma altri dati impressionano: il livello di vita che non migliora e ancora più l’incapacità di sviluppo industriale ad eccezione di quella delle armi.  Non bastano gas e petrolio a far pareggiare i conti. La Russia sta vivendo un momento di malessere. Il ventennio putiniano ha solo aumentato la ricchezza di pochi.

    Come sempre Putin rilancia. E lo ha fatto esaltando il potere militare della Russia, annunciando in forma solenne il lancio di un missile supersonico che può trasportare testate nucleari, venti volte più veloce di quella del suono, capace di colpire, evitando i sistemi di difesa antiaerea, un obiettivo a più di 6000 chilometri. Non saranno i Patriarchi “ribelli” ucraini a spaventarlo, anche se qualche penna da una delle due ali dell’aquila imperiale gliela hanno strappata 

  • RURALI E MANIFESTO RAZZA

    data: 04/12/2018 21.12

    Lino Businco, Lidio Cipriani, Arturo Donaggio, Leone Franzi, Guido Landra, Nicola Pende, Marcello Ricci, Franco Savorgnan, Sabato Visco, Edoardo Zavattari. Chi sono? Pochissimi risponderebbero alla domanda. Sono i nomi di dieci, si fa per dire, studiosi che sottoscrissero nel luglio 1938 il Manifesto della razza, conosciuto anche come Manifesto degli scienziati razzisti , fondamento “scientifico” delle leggi razziali del 1938. A questo manifesto aderirono con solerzia e spesso senza una particolare giustificazione 329 fra docenti universitari, magistrati, medici, militari giornalisti ed esponenti del clero. Famoso, padre Gemelli che aveva una sua particolare teoria a sostegno e giustificazione del razzismo.
    Quello del mondo cattolico è uno dei temi ancora da chiarire, con coraggio e verità. “La coscienza del legame tra la Chiesa e gli ebrei è oggi per noi cattolici un fatto di popolo. Ma negli anni Trenta in pochi capirono, mentre sopravvivevano vecchi pregiudizi”. Lo ha dichiarato il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della CEI, la Conferenza Episcoale Italiana, a chiusura di un interessante convegno tenutosi alla Dante Alighieri il 19 novembre: “Chiesa, fascismo ed ebrei, la svolta del 1938”.
    Fra i 329 compaiono due nomi che colpiscono, Amintore Fanfani e il prof Gaetano Azzariti, secondo presidente nel 1957 della Corte Costituzionale! Ottanta anni fa. Una data che quest’anno è stata ricordata con un’attenzione particolare, perché in giro si respira aria mefitica. Il 28 ottobre, data della cosidetta “marcia su Roma”, un manipolo di nostalgici ha sfilato a Predappio davanti alla tomba di Mussolini, indossando magliette con scritte antiebraiche come, al di là di ogni ritegno, una vigorosa “massaia rurale” pesarese: “ Auschwitzland”.  Quel campo di sterminio  dove furono inviate quasi tutte le ottomila vittime ebree italiane.
    Ma come è stato possibile che una grandissima parte del popolo italiano abbia accettato e condiviso le leggi razziali? Eppure è successo e nemmeno lentamente. Un contributo determinante, su un terreno fertile in verità, è stata la comunicazione, a tutti livelli e in tutte le forme. Nessuna categoria sociale è stata dimenticata, analfabeti compresi. Nel ’38 l’Italia fascista - al culmine della sua esaltazione, Impero dal 1936, con un orgoglio nazionale che aveva conquistato tutti - pendeva dalle labbra del Duce. Ma c’era ancora qualcuno tiepido: i “rurali”, come venivano allora chiamati chi lavorarava  la terra, al contrario dei “padroni”, fascisti della prima ora.
    Come arrivare ai “rurali”, con una altissima percentuale di analfabetismo e certo non lettori accaniti della stampa di regime? La radio! Nel 1933 nasce l’Ente Radio Rurale che aveva come finalità l’indottrinamento ideologico con la diffusione della radiofonia nelle campagne e nelle “scuole rurali”. Fu costruito un apparecchio speciale, Radiorurale, che diversamente da Radiobalilla, al posto dei fasci aveva incrociati due rametti d’alloro.
    Il progetto Radiorurale naufragò, non sul piano politico ma… tecnico! In gran parte delle campagne non arrivava l’energia elettrica! Si corse ai ripari. Mettere altoparlanti nelle piazze dei piccoli paesi, vicino alle chiese e la domenica mattina, quando i “rurali” credenti uscivano dalla Messa e i “socialisti” al caffè o all’osteria, indottrinarli. Una eredità di “palinsesto” ancora oggi rispettata con Linea verde!
    Come spiegare ai “rurali” il razzismo? Ci pensa la Confederazione Fascista dei Lavoratori dell’agricoltura, con una pubblicazione di sessantotto pagine dell’anno XVI con numerose fotografie,  dal titolo chiaro e squillante: I rurali e la razza. In prima pagina: “Siete voi, rurali, che rappresentate la razza nel suo significato più profondo ed immutablile. Voi non fate i matrimoni misti… Mussolini”! Poi, in seconda, sempre Mussolini: “La terra e la razza sono inscindibili e attraverso la terra si fa la storia della razza e la razza domina e feconda la terra… “. In sessantotto pagine si sintetizza tutto il credo razzista e si esalta il valore dei Fedeli della Terra “che per tante generazioni, che talvolta hanno sfiorato il millennio, si sono mantenuti nello stesso podere…”. E si continua: “Il contadino è sempre stato il “continuatore della stirpe” mentre la città è il punto “debole e vulnerabile”. Quindi, cari mezzadri, fate figli e rimanete a lavorare la terra per il bene della stirpe! E naturalmente, foto di una famiglia mezzadrile emiliana di quarantaquattro persone di cui 26 bambini. Le didascalie sono spesso sconcertanti. Una fra tutte. I fascisti non ignoravano  la devozione di una parte notevole dei “rurali”, quindi foto di una croce di ferro lavorato,  numerose allora nelle strade di campagna, con un ragazzo in preghiera. Testo: “Ecco la fede che proviene dai secoli e dalle generazioni, la fede in Dio, latino e cattolicissimo, gloria e conforto delle nostre genti italiane”! Anche un libercolo così ha completato quella strada che porta alla Shoah  e che inizia in Italia con la pubblicazione nel 1921 de I Protocolli dei savi anziani di Sion.     

  • GERUSALEMME SENZA PACE

    data: 11/11/2018 21.53

    Il 6 dicembre dello scorso anno, il Presidente Donald Trump, non inattesamente, ha riconosciuto Gerusalemme capitale unica di Israele. Il 19 luglio la Knesset ha votato la legge fondamentale che dichiara Israele  “Stato- nazione del popolo ebraico”. Sessantadue voti favorevoli dello schieramento dei partiti di destra al governo e cinquantacinque contrari.
    La prima proposta della legge fondamentale votata è del 2011, ma le numerose correzioni, specie dopo la vittoria nel 2015 di Benjamin Netanyahu è stata totalmente stravolta. Prevedeva infatti la definizione di “Stato-nazione del popolo ebraico e democratico in linea con la dichiarazione di indipendenza”. La parola “democratico” è scomparsa, cancellando così la visione dei fondatori. Abolisce l’arabo come doppia lingua e confina in un limbo senza speranze il 20% della popolazione, 1 milione e ottocentomila arabi musulmani e cristiani e 150.000 fedelissimi drusi, che addirittura fanno parte dell’esercito israeliano. Un limbo peggiore della Barrier, il muro, che soffoca e umilia, soprattutto i giovani.
    Con questa legge Israele si allontana radicalmente dalla dichiarazione di Indipendenza del 14 maggio del 1948. Altra cosa era l’Israele dei kibbutz, quando la gran parte della popolazione viveva in modo semplice, per necessità, ma anche per una forma di vocazione spirituale che contribuì a creare un modello politico che resse per anni. Una forma di utopia sionista, socialista, volta a creare in Palestina una società nuova, che si concretizzò nello Yshuv. Esso organizzò ad arte la lotta per l’indipendenza dalla Gran Bretagna, che aveva ben altre idee sulla Palestina e non prevedeva la nascita di uno Stato ebraico.  
    Quando si parla di Israele, del suo rapporto con i palestinesi, del suo ruolo internazionale ed altro, bisogna procedere con cautela e non farsi catturare da schemi frettolosi, ad effetto. Israele, come ha scritto Vittorio D. Segre in Israele, una società in evoluzione (Rizzoli 1973), libro fondamentale per capire il suo processo storico, “è uno Stato solitario… Non esistono altri stati ebraici nel mondo, né società di lingua o di cultura ebraica” . D’altra parte un popolo che rinasce dopo diciannove secoli, Heretz Israel, la Terra di Israele, è un evento non riscontrabile nella storia di nessun altro popolo. E lo si vede al Muro Occidentale, HaKotel , più conosciuto come Muro del Pianto, dove gli ebrei pregano con le stesse parole, Amidah, gli stessi gesti di duemila anni fa.
    E questa solitudine ha creato un senso di perenne insicurezza, una ghettizzazione al contrario. Non è facile liberarsi dal ricordo di ciò che è avvenuto nella prima metà del secolo XX, quando è scomparso un terzo del popolo ebraico. Sul tema si sono scritte valanghe di libri, ma nessuno riuscirà mai ad avvicinarsi più di tanto alla complessità dell’ebraismo, che trascende la politica. Pensiamo solo a Gerusalemme, la città dai settanta nomi, dove in un piccolo spazio si concentrano le tre religioni monoteiste che aggiungono elementi diversi ad una conflittualità che non è solo fatta di confini. Qui si svolge “una antica e sanguinosa competizione tra ebraismo, islam e cristianesimo”, come ha scritto un acuto analista della politica israeliana. Qui dove mille anni prima di Cristo, il re Salomone, figlio del re David costruì un Tempio, l’unico Tempio degli ebrei, l’anima stessa della loro storia religiosa e politica. E dove l’archeologia diventa strumento politico, perché in Palestina contano prima di tutto le pietre, che sono “parlanti e vive”, come diceva Padre Michele Piccirillo francescano e grandissimo studioso di archeologia biblica. E ciò vale soprattutto nel “bacino sacro”, con gli scavi iniziati nel 2006 , sotto la spianata delle Moschee, Haram-ash-Sharif, dove dopo la “guerra dei sei giorni” con l’entrata della Tzahl, i rabbini suonarono lo shofàr, il corno rituale, quasi a significare il momento del ritorno.
    Benyamin Netanyahu forse crederà di aver concluso il sogno di Thedor Herzl , c’è da dubitare. La congiuntura politica certamente è a suo favore, sia sul piano interno che nell’area del Medio Oriente. I palestinesi della Cisgiordania sono stremati. Abu Mazen mostra sempre minor autorevolezza, per poter guidare una seppur formale opposizione. Israele si allarga con confini “elastici”. Uno Stato palestinese non è più nemmeno ipotesi di lavoro, con i paesi arabi - alle prese tutti con problemi interni - che hanno flebilmente protestato per la legge votata con Israele, schierata con il fronte sunnita. Ma un problema resterà duro come una pietra: Gerusalemme, anche se al momento Israele detiene un potere che limita qualsiasi ipotesi che non sia quella di prendere atto che Gerusalemme è “unita e indivisa capitale” di Israele. Ma Gerusalemme è anche città sacra per le tre religioni e su questo non si può arretrare. Non servirà la politica dei trattati e tanto meno le risoluzioni dell’Onu che lasciano il tempo che trovano. Gerusalemme dalle bianche pietre è lì ad aspettare la sua pace. Da duemila anni…