Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza dei cookie. In particolare il sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti che consentono a queste ultime di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l'informativa estesa ai sensi dell'art. 13 del Codice della privacy. L'utente consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Vai al blog di Beppe Lopez su il Fatto quotidiano
macchina da scrivere

Blog

PAOLO SCANDALETTI

  • LA VERSIONE DI MICHELLE

    data: 06/01/2019 18.46

    Alle 107 donne, espressione di etnie e religioni ben differenti ora entrate nel Congresso americano, è stata Michelle ad aprire la via dieci anni fa. Essendo nata nel South Side di una grande città, fra gente modesta e tanti immigrati. Crescendo poi coi genitori Fraser e Marian Robinson, che le insegnano la schiettezza e il coraggio; e col fratello maggiore Craig, campione di basket. Coi vicini di casa, la gente in chiesa, il quartiere anonimo.
    La svolta - come racconta lei stessa in Becoming. La mia storia, Garzanti - avviene decidendo di studiare a Princeton, fra tutti bianchi e altolocati, per laurearsi in legge. Lei unica nera, di origine modesta. Diventando però ben presto avvocato d'affari in un grande studio di Chicago e guidando il dottor Barack Obama come suo tutor professionale. Scegliendo un marito nato nelle Hawaii, con evidenti e mantenute radici africane; amandolo teneramente e poi aiutandolo, primo americano di colore, a conquistare la Casa Bianca.
    Non avendogli nascosto i dubbi ed i timori che nutriva fin dall'entrata nell'agone politico: sulle possibili conseguenze per un amore autentico ed esplicito come il loro, sul futuro professionale d'entrambi, sulla famiglia che avevano deciso di costruirsi. Lei non la vedeva così bene, anche se lui già mostrava una spiccata capacità di lettura del sociale, di proposta e di guida, occupandosi di un'organizzazione cittadina.
    Alla fine decidono per il sì e Michelle lo appoggia subito, chiedendo alla madre di aiutarla nella cura delle figliolette Malia e Sasha. Rientrando immancabilmente a casa per cenare con le piccole, coccolarle e metterle a dormire. E aspettando il marito per andare a letto. Non prima di essersi fatta raccontare la giornata e via via convincendosi, anche sulla base delle informazioni che aveva dal suo scranno professionale, che Obama sapeva muoversi bene nell'agone politico. Mettendo infine anche lei un piede nell'area pubblica come direttore dell'agenzia che aiutava i giovani a costruirsi una carriera nel settore pubblico, poi all'ospedale dell'università di Chicago in qualità di responsabile dei rapporti coi cittadini.
    Quel candidato tutto nuovo alla competizione elettorale dimostrava fin da subito la qualità dei valori pubblici che lo animavano, le proposte reali, chiare e fors'anche realizzabili, che esponeva ai cittadini negli incontri e nei comizi. Senza dar peso più di tanto alle perfidie dei concorrenti. Fino a conquistare il consenso e il voto dei cittadini che lo portano nel parlamentino dello Stato. Dovendo abbandonare la professione legale per far politica a tempo pieno e vivere il potere dall'interno, nelle ombre e nelle luci. Nel 2004 entra nel Senato degli Stati Uniti, nel febbraio del 2007 annuncia la candidatura alla Presidenza.
    Michelle non manca di fare la sua parte, aiutata da uno staff professionale, scopre il fascino della campagna elettorale girando fra gli elettori dell'America; ma spesso si rifugia sfibrata tra le braccia del suo grande amore. A gennaio 2009 Barack giura come Presidente sulla Bibbia che Michelle sostiene, avendo accanto le bambine di dieci e sette anni. Conosce Joe Biden, che diventerà Vice Presidente, e le rispettive famiglie entreranno subito in sintonia. La Signora del Presidente assume pure un ruolo pubblico, viaggia nel mondo ed entra perfino nelle simpatie della regina Elisabetta d'Inghilterra.
    Alla Casa Bianca sta defilata, instaura ottimi rapporti col personale ed i servizi segreti che proteggono la famiglia presidenziale, porta le bambine a scuola, nel parco pianta un bell'orto curato con le figlie (per promuovere una sana alimentazione), si prendono due cani. Scappa una sera col marito a New York per uno spettacolo ed una cena a lume di candela, riconosciuti dai tavoli vicini ma salutati con un applauso soltanto all' uscita. 
    L'incontro con Nelson Mandela, un mito di entrambi, le dice che i cambiamenti profondi hanno bisogno di tempi lunghi. Scopre l'ottimismo e la forza d'animo dei militari americani di stanza nel mondo e delle loro famiglie, che cerca di sostenere. Lasciata la Casa Bianca, il potere più alto del globo, scelgono di rimanere a Washington, per far proseguire alle figlie la scuola e mantenere le amicizie.
    Questo libro (*), bello e perfino intimo, racconta bene la vita e le vicende dei due Obama. Ma rappresenta allo stesso tempo una straordinaria lettura della società e della democrazia americane, osservate e vissute dall'interno. Del suo radicamento su valori profondamente condivisi, di come girino le informazioni e le opinioni, delle scelte possibili in capo alle singole persone. Le basi autentiche della prima democrazia parlamentare repubblicana apparsa sulla nostra Terra.